Indietro
menu
ne sono arrivate 152mila

Arrivate le mascherine dalla Regione. Al vaglio modalità distribuzione

In foto: l'arrivo delle mascherine (dal video Adriapress)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 8 apr 2020 12:54 ~ ultimo agg. 17:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono arrivate questa mattina al servizio Area Romagna della Protezione Civile 152mila mascherine, parte della fornitura promessa dalla Regione emilia Romagna da destinare alla popolazione. Si tratta di mascherine chirurgiche che in queste ore vengono divise e consegnate agli incaricati dei singoli comuni che poi provvederanno alla distribuzione nelle singole città. Sulla modalità di quest’ultima i primi cittadini si stanno confrontando: ancora non è stato deciso se sarà fatta in modo omogeneo in tutte le località o ogni amministrazione deciderà in autonomia come procedere. Da capire anche dove e quante ne saranno consegnate ad ogni famiglia. Così come è probabile che a questo primo invio ne seguano degli altri.

 

I Comuni potranno orientarsi verso una distribuzione presso esercizi commerciali – con il supporto di protezione civile e volontari – dando priorità alle fasce deboli, oppure decidere per il recapito direttamente al domicilio o adottare un sistema misto, sempre evitando qualsiasi tipo di assembramento.

Due i criteri previsti: distribuzione orizzontale (per i piccoli centri una mascherina a ogni famiglia, con il supporto del volontariato per la distribuzione) o selettiva per i comuni più popolosi con l’individuazione dei luoghi più frequentati (ad esempio grande e media distribuzione, negozi e attività commerciali aperte, farmacie, uffici postali, case della salute, associazioni di volontariato…) e della platea di destinazione (ad esempio over 65, persone fragili dal punto di vista economico/sociale, famiglie con disabili o malati cronici o oncologici, operatori e residenti di case di edilizia popolare, associazioni che si occupano di soggetti a rischio, lavoratori disabili…).

 
######