Indietro
menu
Tosi: alzare ancora asticella

Palacongressi Riccione, un 2019 tutto al positivo

In foto: il Palariccione
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 28 mar 2020 14:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il 2019 del Palacongressi di Riccione si è chiuso con il segno positivo sia in termini di fatturato che di crescita del mercato di riferimento e di numero di eventi.

Il Bilancio si è chiuso con un più 12% che sancisce il nuovo miglior anno in termini d’attività svolta. 90 gli eventi ospitati (30 nuovi), di cui 44 convention e 43 congressi e tre eventi extra, per un numero di presenze complessive che supera gli 84 mila partecipanti. 216 le giornate di utilizzo lorde della struttura. Il mercato più in crescita è quello aziendale.

Lo scorso anno, in accordo con il Comune di Riccione socio di maggioranza e proprietario dell’immobile, sono stati terminati diversi lavori di manutenzione e sistemazione, tra cui quelli per i bagni al secondo piano. Tutti i lavori sono già stati interamente pagati.

I dati definitivi saranno presentati, dal presidente del Consiglio di Amministrazione, Eleonora Bergamaschi, all’Assemblea dei Soci del Palas, prevista alla fine di aprile.

Adeguare continuamente la struttura alle esigenze del mercato, e presentarla sempre al meglio in fatto di accoglienza – ha detto il sindaco Renata Tosiè un’esigenza che il Comune di Riccione ha colto e che ha approvato come socio di maggioranza per alzare sempre di più l’asticella della qualità. Restiamo infatti convinti che il Palas rappresenti una risorsa che, adeguatamente specializzata e posizionata sul mercato nazionale e internazionale, deve far crescere non solo il numero degli arrivi sul territorio riccionese, ma anche la qualità di questi in fatto di capacità di spesa per tutto l’indotto. In questo senso il Palazzo dei Congressi non può fare eccezione rispetto al contesto in cui lavora e cresce, cioè una Riccione che offre strutture ricettive di alto livello, ristorazione di qualità nel quadro complessivo di una città che ha intrapreso un importante cammino di qualificazione estetica e funzionali dei suoi spazi”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi