Indietro
menu
L'econimia prova a regiare

Confidi e Confcommercio: bene il bando regionale per liquidità imprese

In foto: la sede Confidi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 27 mar 2020 11:02 ~ ultimo agg. 11:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Regione mette a disposizione 10 milioni di euro attraverso il sistema dei Confidi per sostenere finanziamenti a favore del sistema produttivo emiliano-romagnolo. Per ogni impresa il contributo massimo sarà di 15.000 euro. Una prima risposta importante per le imprese che in questo momento cercano di resistere alle grandi difficoltà, dicono i rappresentanti riminesi di Confidi e Confcommercio.


Sulla facciata della sede riminese di CONFIDI.NET campeggia da qualche giorno la scritta “#ANDRÀ TUTTO BENE”. Il motto che accompagna gli italiani dall’inizio dell’emergenza sanitaria vuole essere uno stimolo e un incoraggiamento per tutti: per chi combatte in prima linea come i malati e gli operatori sanitari, ma anche per le tantissime piccole e medie imprese del territorio che, costrette a chiudere le proprie attività per limitare i contagi da Covid-19, si stanno ritrovando in grande difficoltà economica.
L’incoraggiamento è fondamentale, ma alle imprese non basta. In queste settimane i rappresentanti Confidi.net e Confcommercio sono stati a lungo ai tavoli della Regione Emilia Romagna per trovare soluzioni in grado di aiutare le imprese in questo complicatissimo momento.
Dall’incontro in videoconferenza con gli assessori regionali Colla e Corsini è scaturito un importante bando, approvato dalla Giunta Regionale, a sostegno di una maggiore liquidità per piccole e medie imprese e professionisti dell’Emilia-Romagna. La Regione mette a disposizione 10 milioni di euro attraverso il sistema dei Confidi; risorse che sosterranno finanziamenti a favore del sistema produttivo emiliano-romagnolo, destinati a superare questo difficile momento. Il contributo messo a disposizione dalla Regione sarà distribuito tramite i Confidi selezionati tra cui Confidi.net che garantirà con l’80% le operazioni creditizie a supporto delle imprese, che potranno richiedere finanziamenti al massimo di 150.000 euro con durata fino a 36 mesi. Il contributo regionale sarà a copertura dei costi bancari e di quelli del confidi con un intervento massimo di € 15.000 per singola impresa. Un’operazione totalmente vantaggiosa per il cliente finale con condizioni di grande agevolazione che tendono a far concedere finanziamenti a costo zero, cosa che senza questo accordo sarebbe stata impossibile da attuare.

“Confidi.Net – interviene così il Presidente di Confidi.Net, Alduino di Angelo – ha sempre assistito le imprese per fare crescere l’economia Italia, sostenendo i progetti, appoggiando i nuovi imprenditori, aiutando le aziende in difficoltà, perché siamo ottimisti e abbiamo sempre creduto nella capacità imprenditoriale dell’Italia. E ci crediamo ancor di più adesso: forse siamo in ginocchio di fronte a questo maledetto virus, ma non possiamo arrenderci come non si arrende il personale sanitario che combatte una guerra strenuamente; ci rialzeremo e , dopo una battaglia da combattere insieme, andrà tutto bene. Il forte appoggio della Regione Emilia Romagna con questa iniziativa di grande valenza è fondamentale per rispondere concretamente su uno dei due fronti sui quali si combatte la guerra contro il Covid-19: quello economico/finanziario a sostegno di un sistema imprenditoriale che faticosamente cerca di resistere e dovrà ripartire.”
“In questo momento di difficoltà enorme e mai visto prima – dice il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini, Gianni Indino – servono strumenti a sostegno alle imprese. Questo importante contributo della Regione per l’accesso al credito, che sostiene la liquidità delle piccole e medie imprese attraverso i Confidi, è di grande importanza e impatto. Un segno tangibile della vicinanza alle nostre aziende, ai nostri associati e a tutte quelle attività che attraverso Confidi potranno utilizzare questo fondamentale strumento che può contribuire alla liquidità e ad una più veloce ripartenza”.