Indietro
menu
Verso le regionali

Turismo, la ricetta della Petitti (Pd): legge quadro, riqualificazione, recupero colonie

In foto: Emma Petitti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 10 gen 2020 13:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Spingere per una legge quadro nazionale sul riordino delle spiagge, incentivare la riqualificazione delle strutture alberghiere, recuperare le aree strategiche delle colonie“. Sono questi i tre pilastri della politica del turismo che secondo la candidata del Pd Emma Petitti la Regione deve portare avanti.

Già in questi anni – spiega – l’Emilia-Romagna ha incentivato innovazioni nel comparto alberghiero ed extra alberghiero, recependo anche norme come quelle dei condhotel. Abbiamo messo in campo risorse finanziarie importanti, nel rispetto delle norme europee sulla concorrenza fra imprese. Oggi è necessario proseguire questa stagione di innovazione, a sostegno dell’attrattività e della competitività del territorio riminese“.

Secondo la Petitti “occorre concludere rapidamente il riordino delle norme sulle spiagge, dando attuazione alle norme europee e mettendo gli operatori nelle condizioni di investire ed innovare. L’impegno della Regione dovrà essere spingere per una legge quadro nazionale che superi le attuali difficoltà, proceda al riequilibrio dei canoni demaniali, ad iniziare dai pertinenziali, e dia certezze per il futuro dei nostri operatori turistici.”
L’ex assessore al bilancio ritiene poi che debba essere “predisposto con il Governo un progetto di riqualificazione e messa in sicurezza delle strutture ricettive. Il modello potrebbe essere Casa Italia per la messa in sicurezza delle abitazioni, concordando con la Commissione europea una quota a fondo perduto ed un mutuo di durata congrua, almeno 25/30 anni“.  E poi incentivi per gli accorpamenti tra strutture ricettive.

Ultimo aspetto il recupero delle ex colonie. “I processi di riqualificazione – ricorda Emma Petitti – sono in gran parte naufragati sotto i colpi della crisi economica e vanno stretti nuovi accordi di programma tra enti diversi promuovendo nuove opportunità di investimento”.