Indietro
menu
Soddisfatta Coldiretti

Rivoluzione enoturistica. Nuove opportunità per le aziende riminesi

In foto: vendemmia
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 12 gen 2020 15:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Con la pubblicazione delle linee guida per lo svolgimento dell’attività di enoturismo si aprono nuove opportunità anche per le aziende vitivinicole della provincia di Rimini che godranno di uno strumento in più per valorizzare la loro produzione e il nostro territorio”. Commenta così Coldiretti Rimini la pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione di Procedure e criteri per lo svolgimento dell’attività enoturistica in Emilia-Romagna. Il documento serve a colmare un vuoto normativo stabilendo che le aziende agricole possono svolgere attività formative e informative sulle produzioni vitivinicole del territorio e attività di degustazione e commercializzazione delle produzioni aziendali anche in abbinamento ad alimenti.

Come già avevamo avuto modo di anticipare nel convegno da noi promosso a Santarcangelo l’8 novembre scorso – afferma il Presidente di Coldiretti Rimini Guido Cardelli Masini Palazzi il provvedimento dedicato all’Enoturismo è una importante chance di sviluppo perché oltre a chiarire l’operatività delle aziende della filiera vitivinicola, non solo di quelle agricole, offre l’opportunità di valorizzare il prodotto vino nei confronti dei consumatori e con esso il territorio con le sue produzioni agroalimentari di alta qualità“. “S​iamo di fronte ad una semplificazione notevole – gli fa eco il Vice Direttore di Coldiretti Rimini, Giorgio Ricciche permetterà alle nostre aziende di valorizzare e monetizzare il loro patrimonio che non è fatto solo di eccellenti vini, ma è anche cultura, paesaggio e buona alimentazione”.

Oltre alle imprese vitivinicole, sono interessate al provvedimento anche le attività di trasformazione delle uve in mosti o vini, con la possibilità di svolgere attività didattiche e divulgative, anche in abbinamento ad alimenti, di degustazioni e promozione territoriale nei confronti dei consumatori o degli studenti, attraverso visite didattiche, iniziative ricreative, eventi e manifestazioni.

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Andrea Turchini