Indietro
menu
La Lega sulla chiusura

Ponte Verucchio. Galli (Lega): non vedo soluzioni certe

In foto: traffico e code legati alla chiusura del ponte
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 10 gen 2020 13:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Auto in coda, levatacce mattutine per i lavoratori, scuolabus in ritardo anche di 45 minuti. Questa secondo il candidato della Lega Bruno Galli è lo scenario che si registra in questi giorni a causa della chiusura al transito del ponte sul Marecchia a Verucchio. “I rimedi individuati – dice Galli – aggravano il tutto. In via Tomba, per esempio, i residenti sono arrabbiati per l’aumento a dismisura del traffico. Con la chiusura del ponte anziché arrivare al semaforo che incrocia San Martino dei Mulini con la Marecchiese, tutti tagliano in via Tomba che, ricordo, è una strada residenziale e non di smaltimento traffico. Lì le auto corrono, non ci sono sufficienti rallentatori e i problemi che già ci sono raddoppiano. Non capisco come la soluzione del ponte Bailey sia stata scartata a priori. Si facevano in tempi di guerra strutture di collegamento come queste, ci passavano sopra carri armati e mezzi da combattimento, non si può fare anche ora? Peraltro non vedo, al momento, né tempi certi né soluzioni certe. I genitori che pagano il servizio del trasporto scolastico e vedono i loro figli arrivare a scuola con quasi un’ora di ritardo come possono essere sereni?

La Lega ricorda poi le dichiarazioni del sindaco di Casteldelci Fabiano Tonielli dopo l’incontro di Verucchio a cui partecipò anche il presidente della Provincia Santi: “la situazione del ponte è un’emergenza da affrontare velocemente, ma qui c’è un problema di viabilità di vallata che solo unendo le forze si può risolvere. Io ritengo imprescindibile che tutta la valle abbia necessità d soluzioni alternative a cominciare da una nuova Marecchiese, di una strada di veloce scorrimento che può essere d’aiuto a cittadini e imprese. Bisogna fare squadra tenendo conto ad esempio che tra poco a Secchiano nascerà il nuovo stabilimento della Berloni con tutto quello che potrà significare a livello di traffico pesante e di trasporti. Tutta la vallata del Marecchia è chiamata a dare il proprio contributo”.

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione   
di Lucia Renati