Indietro
menu
Schermaglie verbali

A Verucchio la Marecchiese tra Sardine e Salvini

In foto: le forze dell'ordine (Adriapress)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 11 gen 2020 17:08 ~ ultimo agg. 12 gen 12:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 2.442
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Verucchio la piazza delle Sardine e quella di Salvini oggi pomeriggio erano separate solo dalla Marecchiese: folle limitate rispetto ad altre occasioni, ma comunque un consistente dispiegamento di forze dell’ordine a controllare la situazione. I gruppi di Sardine si sono radunate da metà pomeriggio in piazza Primo Maggio, come da tradizione con il loro corredo di cartelloni e slogan.

Il leader della Lega è arrivato in piazza Europa intorno alle 17.15, in ritardo di 45 minuti sulla tabella di marcia ad attenderlo c’erano diverse centinaia di persone. Qualche schermaglia verbale a distanza tra il gruppo di manifestanti dall’altra parte della strada rimasti ad attendere il comizio, ma senza tensioni particolari. Salvini l’ha messa sul sarcasmo: “Non ci sono più i contestatori di una volta”.

La mattinata riminese di Matteo Salvini era cominciata a San Patrignano, per una visita alla comunità conclusa col pranzo insieme ai ragazzi: “Entro in punta di piedi in casa vostra per capire, imparare e portarmi fuori la vostra forza. Avete avuto la testa di dire stop e grazie a chi ci mette l’anima a San Patrignano perché è un modo bello che sta salvando migliaia di vite”, ha detto. Poi in centro a Coriano, per un comizio preceduto dalla visita al museo dedicato a Simoncelli accompagnato dal padre Paolo. E proprio con la felpa 58 del Sic Salvini ha tenuto i comizi del pomeriggio. Ultima tappa del tour riminese, Novafeltria.

 

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.