lunedì 18 novembre 2019
menu
tra incontri e inaugurazioni

Compleanno di Riccione. Continua la festa

In foto: il vescovo Lambiasi
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 24 ott 2019 15:33
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Proseguono anche in questo fine settimana gli eventi per il compleanno di Riccione.Domani sera, venerdì, (dalle 20.30, Palazzo del Turismo) è in programma l’inaugurazione della mostra fotografica itinerante Don Giovanni Montali. La forza della carità per una rinascita civile e la conferenza dal titolo Igino Righetti e il rinnovamento della cultura cattolica.

Una serata per ricordare due riccionesi: don Giovanni Montali (1881-1959), parroco di San Lorenzo dal 1912 al 1959, che seppe coniugare l’attività pastorale con un intenso impegno in campo sociale ed educativo e Igino Righetti (1904-1939) a cui Riccione dette i natali, che divenne presidente nazionale della FUCI a Roma nel 1925 e, insieme a Giovan Battista Montini – futuro papa Paolo VI -, fu punto di riferimento per i giovani cattolici impegnati in campo politico, sociale e culturale.

La mostra (taglio del nastro alle ore 20.30, Palazzo del Turismo) è a cura del Comune di Riccione insieme all’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Alberto Marvelli” della Diocesi di Rimini e di San Marino – Montefeltro, alla Fondazione “Igino Righetti”, in collaborazione con il Comitato d’Area S. Lorenzo e la parrocchia San Lorenzo in Strada ed è realizzata in occasione del 60° anniversario della morte di don Montali, per rendere omaggio a questo protagonista della storia cittadina della prima metà del secolo scorso. L’esposizione racconta, attraverso testi, documenti e immagini, l’avventura spirituale e umana di un sacerdote nella cui azione si fondono carità cristiana e impegno sociale. Si ripercorrono in maniera tematica e cronologica le tappe fondamentali della vita di Don Montali: dagli anni della formazione, all’attività pastorale a San Lorenzo, alle opere sociali a favore della città; dagli anni terribili della seconda guerra mondiale al dopoguerra e alla ricostruzione.

Dopo l’inaugurazione si terrà, alla presenza del Vescovo di Rimini Mons. Francesco Lambiasi, la conferenza dal titolo Igino Righetti e il rinnovamento della cultura cattolica a cura del prof. Renato Moro, docente di storia contemporanea all’Università degli Studi di Roma Tre, con la partecipazione di Don Pierpaolo Conti.

Igino Righetti è una delle figure più significative del laicato cattolico italiano della prima metà del ‘900 e l’incontro è dedicato alla riscoperta della sua opera all’interno del contesto ecclesiale, sociale e politico del suo tempo che ha ispirato altri testimoni del cattolicesimo democratico quali il Beato Alberto Marvelli, ma anche Don Giovanni Montali.

I festeggiamenti continuano anche sabato. Alle 10.30 con l’inaugurazione dell’Emporio Solidale che avrà sede nell’ex edificio dell’azienda Tucker (via Del Commercio, 9). Si tratta di una grande progetto per la comunità, realizzato in collaborazione con la Consulta della Solidarietà Sociale Città di Riccione, a favore di persone in temporanea situazione di disagio economico: un lavoro congiunto di volontari delle associazioni ed operatori dei servizi sociali finalizzato a rimuovere gli ostacoli per un effettivo superamento della condizione di bisogno, in una logica di lavoro di rete e coordinamento con il sistema dei servizi di welfare locale.

Il 26 ottobre sarà anche la giornata dedicata alla Festa dei Nonni, un importante momento di condivisione che coinvolge famiglie, nonni e bambini. A partire dalle ore 15.30 il Parco della Resistenza si animerà con giochi e attività che coinvolgeranno grandi e più piccoli. Dalle ore 19, si proseguirà al Play Hall con cena conviviale e intrattenimento musicale. L’evento è organizzato in collaborazione con i Centri di Buon Vicinato e il Centro distrettuale per le famiglie.

Nello stesso pomeriggio, alle ore 17, al Palazzo del Turismo si terrà la presentazione del libro di Fosco Rocchetta dal titolo Camillo Manfroni Riccione. Eminente storico della Marina militare, con un intervento di Stefano Medas, docente di storia della navigazione antica. Camillo Manfroni fu docente di storia all’Accademia Navale di Livorno, accademico dei Lincei, autore e cultore di studi nautici. La biografia ricostruisce e riscopre il suo legame con Riccione. Dal 1913 cominciò a trascorrere lunghi periodi nella nostra città e partecipò attivamente alla vita sociale, accettando di far parte di numerosi comitati e associazioni culturali, diventando nel 1933 presidente onorario del Club Nautico. Questo profondo legame si concretizzò anche con la scelta di donare la sua villa al Comune di Riccione perchè diventasse sede scolastica.

Altre notizie
Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione   
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna