sabato 24 agosto 2019
menu
In foto: La presentazione al Palazzo del Turismo
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 12 ago 2019 15:16 ~ ultimo agg. 13 ago 12:05
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Continua la rigenerazione della zona sud di Riccione. Dopo la presentazione del progetto di riqualificazione dei camping Alberello e Fontanelle, questa volta è il turno del Camping Adria, pronto a trasformarsi in una innovativa struttura per il turismo all’aria aperta a 5 stelle. Grazie allo strumento della manifestazione di interesse attivato dal Comune di Riccione, la Società Adria ha potuto beneficiare di una procedura celere che in breve tempo consentirà di dare vita a un nuovo impianto totalmente immerso nel verde e dotato di ogni comfort.

Il progetto dell’architetto Gladis Grossi, presentato questa mattina al Palazzo del Turismo, si estende su una superficie di 82mila metri quadri e prevede 503 piazzole (alcune delle quali extralusso dotate di vasca idromassaggio e area relax privata), 20 bungalow, due piscine (una per adulti da 530 metri quadri e l’altra per bambini), un’arena di 1.000 metri quadri, due campi sportivi multiuso, un’area sgambamento cani e un’area giochi per i bimbi, una zona dedicata ai pic nic e al barbecue, due sale per l’attività di animazione al coperto e una appositamente per la lettura, un centro benessere, un’area ristorazione da 1.235 metri quadri e un’altra per le attività commerciali. La capacità ricettiva è di 1.972 ospiti. Particolare attenzione, poi, è stata rivolta ai portatori di handicap che, grazie ad una accessibilità priva di barriere architettoniche, potranno utilizzare ogni servizio e raggiungere comodamente ogni zona. Per la realizzazione del nuovo camping a 5 stelle verranno utilizzati materiali ecocompatibili ed energie rinnovabili. Il costo complessivo della trasformazione ammonta a 5 milioni e 300mila euro. L’inizio dei lavori è previsto nella primavera del 2020, mentre l’inaugurazione entro la fine del 2021.

“Un progetto ambizioso – afferma Monica Saielli, legale rappresentante della Società Camping Adria – che nei prossimi tre anni mira ad incrementare del 50% il numero di presenze, attualmente di 102mila all’anno. La nostra offerta si rivolge non solo alla clientela italiana, ma anche a quella del centro-nord Europa: Austria, Svizzera, Germania, Paesi Scandinavi, ma anche Polonia e repubblica Ceca. Perché i turisti dovrebbero scegliere questo tipo di vacanza? Perché la vita all’aria aperta favorisce la socializzazione, la condivisione e il senso di libertà”. 

Notizie correlate
La rassegna a Riccione

Ciné 2019, ecco il programma

di Redazione   
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna