Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Rimini

Rapinano turista in spiaggia di notte: gli agenti li bloccano con spray al peperoncino

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 6 set 2018 11:58 ~ ultimo agg. 7 set 10:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Quattro persone in manette per rapina la scorsa notte. Durante un controllo sul Lungomare Tintori, l’equipaggio di una volante è stato avvicinato da un uomo, che ha raccontato di essere stato rapinato poco prima da quattro nordafricani, mentre passeggiava vicino alla battigia. Uno dei quattro gli aveva puntato un coltello al fianco, minacciandolo di morte se non avesse consegnato la collana e il cellulare: cosa che l’uomo ha fatto, in preda al panico. I quattro si sono poi allontanati in direzione di Riccione.

Acquisite le descrizioni dei soggetti, gli agenti hanno iniziato le ricerche dei rapinatori. Sono stati rintracciati poco lontano in spiaggia, intenti a bere alcolici. Uno dei quattro, visti i poliziotti, ha cercato di disfarsi di un telefonino gettandolo sulla sabbia e ha poi cercato di fuggire. Un altro ha iniziato a dimenarsi e sbracciarsi per evitare il recupero dell’oggetto, ma è stato immobilizzato con l’uso dello spray al peperoncino in dotazione.

La perquisizione ha consentito di ritrovare sia il cellulare rapinato che il coltello utilizzato per commettere il reato.
I quattro, di origine marocchina, poco più che ventenni, tutti irregolari sul territorio, sono stati arrestati per rapina.

I controlli della polizia di Stato di Rimini in questi giorni sono stati coadiuvati da personale  dei Reparti Prevenzione Crimine di Reggio Emilia, Bologna e Genova. Nelle ultime 24 ore sono stati 8 gli arrestati, 5 i denunciati e centinaia gli identificati e diverse le espulsioni dal territorio nazionale.

Un intervento su segnalazione, in via Lussemburgo, ha consentito agli agenti di soccorrere una donna, dopo una violenta lite col convivente, in preda all’alcool. In un primo momento la donna ha negato che ci fossero stati problemi col coinquilino, ma poi ha ammesso che episodi del genere si erano ripetuti negli ultimi giorni e ha chiesto ai poliziotti di allontanare l’uomo dall’abitazione. Lui ha avuto, prima, un atteggiamento collaborativo, poi violento, tanto che si è anche ferito da solo con un coltello: è stato quindi arrestato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Grazie all’alert del sistema informativo della Questura, è stata segnalata la presenza di due ricercati in due strutture alberghiere riminesi: un 36enne di origine tunisina, sul quale pendeva un ordine di cattura emesso dall’Autorità Giudiziaria di Firenze, perchè doveva espiare una condanna definitiva di circa 6 mesi di reclusione per reati concernenti gli stupefacenti; un 32enne di Torino, che doveva espiare una condanna definitiva di 2 anni e 5 mesi per i reati di furto aggravato e rapina.

Controlli anti spaccio, dopo alcune segnalazioni, sono andati in scena in via Settembrini. Gli agenti hanno bloccato il tentativo di fuga di un uomo, già arrestato per spaccio nella stessa zona a inizio agosto e per questo doveva stare ai domiciliari: è stato quindi arrestato per il reato di evasione.

 

Notizie correlate
di Lamberto Abbati