Indietro
menu
Ambiente Provincia

Quattro foci fortemente inquinate. I dati della Goletta Verde

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 7 ago 2014 13:52 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Due, invece, i punti risultati “inquinati”: alla spiaggia a sud della foce del fiume Uso a Bellaria e alla spiaggia a nord della fiume del fiume Rubicone (località Gatteo a mare) di Gatteo.
Entro i limiti di legge, invece, gli inquinanti riscontrati nelle acque prelevate alla spiaggia a sud della foce del canale Tagliata a Cesenatico; alla foce canale Cupa Nuovo nel comune di Cervia; alla foce del canale in destra Reno (località Casl Borsetti) di Ravenna e alla foce del canale Logonovo (lido degli Estensi) a Comacchio.

I prelievi e le analisi sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente nei giorni 29 e 30 luglio scorso. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli) e vengono considerati come “inquinati” i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia e “fortemente inquinati” quelli che superano di più del doppio tali valori.

Le nostre analisi – sottolinea Simone Nuglio, portavoce di Goletta Verde – non vogliono certo sostituirsi al monitoraggio effettuato dagli organi competenti né, tantomeno, avere la pretesa di una patente di balneabilità. I punti risultati fuori dai limiti di legge riguardano, ancora una volta, foci di fiumi, di norma non adibite alla balneazione. È degno di nota il sistema di segnalazione per il divieto di balneazione messo in campo, ma questo è solo un utile strumento per tutelare la salute dei bagnanti; tale strumento non risolve certo il problema che continua ad essere l’inadeguatezza dei sistemi fognari che vanno in sofferenza in caso di precipitazioni, non più definibili, queste ultime, eventi eccezionali, soprattutto in virtù dei cambiamenti climatici“.

Durante la presentazione sono stati anche forniti i dati del recupero degli oli usati: in provincia di Rimini ne sono state raccolte 776 tonnellate dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati. In tutta l’Emilia Romagna oltre 16mila tonnellate

(Nella foto la conferenza stampa di questa mattina)

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.