Indietro
menu
Economia Regione

Approvata a Bologna la fusione Hera-Acegas. A favore il 99,96%

di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 15 ott 2012 12:50 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lo ha ricordato il presidente di Hera Tomaso Tommasi di Vignano, aprendo questa mattina questa mattina i lavori dell’assemblea della multiutility a Bologna che dovrà ratificare la fusione con Acegas. L’aggregazione sarà operativa dal 1 gennaio.
A favore della fusione si sono espressi gli azionisti titolari di 862.445.638 azioni, pari al 99,96% del capitale sociale, per 862.445.638 azioni. Contrario lo 0,002% (25mila azioni), astenuto lo 0,03, per 282.229 azioni. Era rappresentato il 72% del capitale sociale. Gli unici no sono arrivati da due piccoli azionisti. Rimini era rappresentata dall’amministratore unico di Rimini Holding, Gabriele Burnazzi.
Al momento di formalizzare la fusione, i voti contrari dei consigli di Rimini e Forlì sono rimaste espressioni politiche a livello di patto sindacale.
In risposta alle perplessità espresse nei giorni scorsi da diversi comuni, tra cui anche Rimini, il presidente ha detto che l’operazione sarà accompagnata da un consolidamento della leadership ambientale e nei servizi a rete, un miglioramento della qualità e dell’efficacia del servizio, anche in prospettiva delle prossime gare, ed un ampliamento del presidio territoriale e della sinergia imprenditoriale.

La presentazione dell’operazione da parte di Hera.

Notizie correlate