giovedì 17 gennaio 2019
di    
lettura: 2 minuti
lun 25 giu 2012 19:16 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Le proposte che emergeranno dagli incontri di questa estate saranno discusse e condivise insieme agli amministratori locali in settembre, in occasione della Conferenza.
Per il segretario provinciale Emma Petitti, sono tre in particolare gli ambiti prioritari di intervento:
“Sviluppo sostenibile e qualità ambientale: spingiamo davvero sulla riqualificazione del territorio e del patrimonio edilizio, anche in ambito turistico, sfruttando in particolare la green economy e le energie rinnovabili. Ciò che non rientra in questo paradigma di sviluppo va adeguato o non potrà trovare spazio.
Mobilità delle persone e delle merci: il trasporto pubblico locale va ripensato profondamente e razionalizzato per offrire un servizio efficiente e dai costi sostenibili. A questo si lega la necessità di un piano dei tempi e degli orari, già adottato da tempo in altre realtà (vedi Bolzano)
semplificazione burocratica e credito alle imprese. Lo sviluppo richiede velocità di risposta fra gli enti e all’interno degli enti, che possono e devono fare di più nei confronti delle imprese”.

“Anche nella nostra provincia – sottolinea il segretario nella lettera di invito alle realtà del territorio – i cambiamenti storici sopravvenuti negli ultimi anni ci spingono a ripensare profondamente al nostro modello di sviluppo, rispondendo alle esigenze di riqualificazione, di mobilità, di qualità della vita, di crescita sostenibile in un contesto di competizione, ma anche di opportunità e di crescita, di espansione e di internazionalizzazione, di innovazione e di miglioramento. Senza interventi straordinari e strutturali per la crescita non si può invertire il trend, evitare il peggioramento dei conti pubblici ed aiutare il sistema produttivo a superare il momento di difficoltà. La prima Conferenza economica provinciale sarà un momento dove la politica si metterà in ascolto del territorio e di chi, ogni giorno, contribuisce con il proprio lavoro e le proprie attività a creare ricchezza e benessere. Un momento non solo di riflessione e di confronto con modelli positivi traducibili sul territorio riminese, ma soprattutto di avvio di iniziative comuni per lo sviluppo e la crescita”.

Altre notizie
di Redazione
elezioni amministrative

Bene comune e pace sociale

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna