Indietro
menu
Provincia Vita della Chiesa

Diocesi e Caritas a sostegno dei terremotati. Domenica la colletta

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 8 giu 2012 14:05 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le modalità

Il frutto della colletta in programma in tutte le parrocchie della Diocesi di Rimini domenica 10 giugno, verrà gestito da Caritas Italiana: obiettivo principale sarà aiutare le comunità locali a dotarsi di strutture multiuso (prefabbricati, tensostrutture…) per riprendere la vita comunitaria: momenti aggregativi, culturali, attività di catechismo, di preghiera, liturgia ecc…
Raccolta di beni materiali: in questo momento non sono necessari né alimenti, né vestiti. Possono servire materiali per l’igiene: sapone liquido, detersivi, dentifricio, spazzolini, shampoo ecc…
Gemellaggi: la Diocesi di Rimini sarà gemellata con una comunità colpita dal sisma. Il nome di tale comunità verrà indicato a tempo debito da parte del coordinamento regionale Caritas. Per il periodo estivo è però possibile da parte delle parrocchie di Rimini offrire subito ospitalità a gruppi di ragazzi per campi scuola o a famiglie per periodi di riposo.
La Diocesi di Rimini, inoltre, è disponibile ad ospitare sacerdoti che ne hanno la necessità presso la Casa del Clero e presso alcune canoniche.
Le offerte in denaro possono essere devolute direttamente anche alla Cancelleria della Curia, in Via IV Novembre 35 – Rimini, e a Caritas Diocesana Rimini.
Il coordinamento diocesano a cui chiedere informazioni a far arrivare le disponibilità, è affidato a Caritas Diocesana Rimini, via Madonna della Scala, 7 – Rimini.
Per informazioni: Cesare Giorgetti tel. uff. 0541.26040; cell: 3299537234; e-mail: caritas@caritas.rimini.it

Per offerte: C/c postale n. 13243472 – Caritas Diocesana Rimini
Cod. IBAN IT 67 B 06285 24206 CC0027459084
Cassa di Risparmio di Rimini – Filiale San Giuliano.
Causale: TERREMOTO EMILIA ROMAGNA

La situazione del terremoto nelle zone della Regione Emilia-Romagna aggiornata al 6 giugno:

– 26 vittime (tra queste un sacerdote della diocesi di Carpi, don Ivan Martini);
– Circa 16 mila persone complessivamente accolte nei 37 campi di accoglienza allestiti, presso altre strutture coperte (scuole, palestre ecc…) o negli alberghi. Oltre 100 mila le persone che hanno trovato alloggi autonomamente (camper, amici, parenti ecc…)
– 52 i comuni colpiti in 7 diocesi: Bologna, Carpi, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Adria-Rovigo.
– Numerose case distrutte, ingenti danni alle chiese (nella sola Diocesi di Carpi, su 50 chiese solo tre sono agibili), al patrimonio artistico ed al sistema produttivo.

Notizie correlate