Indietro
menu
Rimini Scuola

Aperto il Polo Infanzia Sacco e Vanzetti: sostenibile e sperimentale

In foto: Per gli esterni ci vorrà ancora qualche settimana. Ma il polo di Viserba ha finalmente aperto ai bambini i suoi 4.168 metri quadri, per un costo di 3 milioni di euro di cui 630.000 da un'imposta di scopo nel 2007.
di    
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
ven 5 nov 2010 17:01 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il nido, due sezioni per 37 posti, è gestito dal Comune tramite il Valloni, che per il personale ha attinto dalla graduatoria comunale. La materna, 2 sezioni per 52 posti, ha una gestione sperimentale che, fa sapere l’assessore Zerbini, è diventata oggetto di interesse a livello nazionale: Statale, ma con una convenzione in cui sono entrati Comune e 4° Circolo Didattico è stato assegnato alla Cooperativa Il Millepiedi il servizio pomeridiano. Inoltre, da gennaio ci sarà anche una sperimentazione per garantire il servizio anche dalle 16 alle 18.
La cucina, tra nido e materna, è comune. La realizzazione ha seguito criteri di sostenibilità e risparmio energetico.
Con l’asilo di via Di Mezzo, costato 1 milione 800mila euro con analoga gestione del nido di Viserba, il Comune ha messo a disposizione 100 posti, tutti riempiti.

La scheda trasmessa dall’Amministrazione Comunale:

I nuovi poli scolastici di Viserba e via di Mezzo: 99 posti nido e 52 posti di scuola infanzia in più
Due interventi modello di edilizia scolastica ecocompatibile realizzati grazie all’imposta di scopo

Questa mattina il sindaco Alberto Ravaioli, l’assessore alle Politiche educative Samuele Zerbini e l’assessore ai Lavori pubblici Juri Magrini hanno visitato e presentato alla stampa il nuovo Polo dell’infanzia del Peep di Viserba (via Sacco e Vanzetti), aperto per l’anno scolastico 2010-11 insieme al nuovo asilo nido realizzato in via Di Mezzo.
L’edilizia scolastica è uno dei settori nel quale può essere maggiormente incisiva l’azione della pubblica amministrazione, sia nella sperimentazione della qualità edilizia che nelle azioni educative ad essa connesse. Il Comune di Rimini da anni ha scelto la sostenibilità come proprio parametro di riferimento per la realizzazione dei nuovi edifici scolastici. I nuovi poli dell’infanzia di Viserba e via di Mezzo rappresentano “buone pratiche” nel campo della sostenibilità e un’occasione per verificare le implicazioni fra cultura ambientale e cultura del progetto architettonico.

Il polo scolastico di Viserba
Realizzato grazie all’imposta di scopo 2007 per una quota di 630.500 euro (quasi 3 milioni di euro il costo totale dell’opera), il nuovo polo di Viserba ha una superficie complessiva di 4.168 mq, di cui 2776 destinati alla materna, aperta in settembre, e 1392 all’asilo nido attivo dal 3 novembre. Il polo è composto da un nido con 2 sezioni (piccolissimi 9-14 mesi, 16 posti; medi 22-26 mesi, 21 posti) e una scuola materna con 2 sezioni (52 posti), oltre ad una cucina comune.
Le pavimentazioni delle aree didattiche e degli spazi comuni sono in linoleum naturale, materiale senza emissioni nocive e non freddo al tatto, poiché i bambini si muovono e a stretto contatto con il pavimento. Servito dal sistema di teleriscaldamento, il polo è riscaldato grazie a pannelli radianti a pavimento.
Particolare attenzione è stata data anche all’aspetto sensoriale dell’architettura: gli spazi sono stati connotati e differenziati in vari modi ed ogni aula ha il pavimento di un colore diverso. Nel progetto non sono presenti cambi di livello e tutti gli spazi interni, oltre ai servizi igienici, sono accessibili dai portatori di handicap.
Il portico sul lato sud-est si apre sull’area verde dedicata al gioco dei bimbi e collega nido e scuola infanzia, facendo da filtro tra gli ambienti interni ed esterni e rappresentando un’estensione coperta delle aule. La costruzione e le sue prestazioni termiche interagiscono con l’ambiente naturale grazie al guadagno solare diretto, al raffrescamento naturale e al recupero dell’acqua piovana. L’attenzione agli aspetti bioclimatici della progettazione consente di ridurre il carico energetico costituito dagli impianti, attraverso l’attento dimensionamento delle aperture in relazione alla dimensione degli spazi e all’uso. Gli impianti elettrici sono in particolare supportati da un impianto per la produzione di energia elettrica a tegole fotovoltaiche che consentirà la copertura di quasi il 50% dei consumi annuali. La raccolta delle acque piovane, riutilizzate per irrigazione e wc, avviene tramite cisterne sotterranee.

Il polo di via di Mezzo
Anche il nuovo asilo nido del polo per l’infanzia di via Di Mezzo è stato finanziato grazie all’imposta di scopo (357.500 euro, su un costo totale di 1.800.000). Con 3 sezioni aperte dal 3 novembre (piccoli 15–20 mesi, 18 posti; medi 21-26 mesi, 21 posti; grandi 27–35 mesi, 21 posti), il nido si colloca accanto all’attuale scuola materna (superficie complessiva di mq 2057) in maniera non invasiva, sviluppandosi prevalentemente in larghezza e limitatamente in altezza. L’accesso avviene da via della Rondine e viene segnalato da una parete ad andamento curvilineo, che disegna un pergolato.
La copertura in legno lamellare ha due inclinazioni differenti, che vanno ad aumentare il rapporto aeroilluminante delle aule. La volontà di utilizzare risorse rinnovabili è manifestata fin dall’accesso all’edificio, dove si nota il sistema fotovoltaico completamente integrato nella struttura di copertura, che come a Viserba consentirà la copertura di quasi il 50% dei consumi annuali. Anche in questo caso la raccolta delle acque piovane avviene tramite cisterne sotterranee.
L’edificio, a corpo triplo, è articolato su un solo livello per permettere la massima fruibilità anche ai bambini più piccoli. Tutti gli spazi interni sono accessibili dai portatori di handicap.
Come nel polo di Viserba, anche qui ogni aula ha il pavimento di colore diverso, mentre negli gli spazi comuni i diversi colori sono intervallati da bolli policromi in corrispondenza dei lucernari. Le pavimentazioni sono in linoleum naturale, con pannelli radianti.
L’area verde dedicata al nido è stata individuata nella zona più protetta, lontana dalla strada di accesso e con un buon soleggiamento per tutte le ore pomeridiane. L’area è attrezzata con giochi per bambini e separata da una siepe dall’area verde di pertinenza della materna.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Redazione