mercoledì 16 gennaio 2019
In foto: Ad un anno esatto dalla sparatoria in viale Ceccarini arriva la prima condanna. Ieri a Bologna il 23enne casertano Salvatore Pascarella è stato condannato in rito abbreviato a 12 anni e otto mesi di carcere per il tentato omicidio di Giovanni Lentini.
di    
lettura: 1 minuto
sab 11 feb 2006 11:30 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il giovane, che ha ammesso di aver sparato ma non ha mai rivelato il nome dei complici, è stato invece assolto dall’accusa di estorsione aggravata, ritenuta la causa della sparatoria del 10 febbraio. Probabile il ricorso in appello.
Rinviati a giudizio anche gli altri quattro imputati che saranno processati, a partire dal 15 maggio, davanti al tribunale di Rimini. Alla sbarra il 42enne Salvatore Michele Tenore ed il 36enne Sebastiano Peccerillo, ritenuti complici di Pascarella. Con loro, davanti al giudice, anche Vincenzo Franco e Giovanni Pascarella, padre di Salvatore, che dovranno rispondere dell’accusa di estorsione e minacce ai danni di un imprenditore sammarinese.
Lentini si trova già in carcere dal luglio 2005. Per lui le manette sono scattate nell’ambito dell’inchiesta ravennate su bische clandestine e traffici gestiti dal cosiddetto clan dei calabresi.

Altre notizie
di Redazione
FOTO
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna