martedì 22 gennaio 2019
In foto: Ancora deve aprire i battenti il primo, che già si parla del secondo. Ieri in Consiglio comunale è venuta ufficialmente alla luce la possibilità di un nuovo centro commerciale di grandi dimensioni di fianco all'Iper delle Befane.
www.comune.rimini.it
di    
lettura: 1 minuto
ven 29 ott 2004 17:31 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

A far esplodere il caso, il consigliere di Forza Italia Giorgi, che ha chiesto all’assessore all’Urbanistica Melucci se fosse davvero arrivata la rischiesta di destinare ad uso commerciale aree vicino all’aeroporto e allo stesso Iper delle Befane per circa 39mila metri quadri, presentata dalla società proprietaria.
La richiesta è arrivata ma, ha spiegato Melucci, non c’é ancora nessun accordo perché si tratta di una partita complessa ancora tutta da esaminare.

Il Consiglio ha poi attribuito il seggio lasciato vacante dal consigliere Giorgio Grossi a Maurizio Maioli, primo dei non eletti dei DS. Grossi si è dimesso per non creare incompatibilità col suo ruolo di presidente dell’ATO, l’authority provinciale dei servizi. Scelta apprezzata da molti, soprattutto dai Socialisti Popolari che hanno invitato anche altri a seguirla scelta, con una frecciata al consigliere Fabi della Margherita, presidente di Agenzia Tram.
La stessa ATO è stata anche l’oggetto di un’interrogazione di Renzi, che ha protestato per l’assenza nel Cda di rappresentanti di AN. Il sindaco Ravaioli ha poi relazionato sul suo viaggio in Cina, nella città gemellata di Yangzhou.
Il Consiglio ha quindi approvato le linee guida per la formazione del Bilancio 2005-2007 e l’emissione di prestito obbligazionario dall’importo nominale di 2 milioni e 300mila euro per il finanziamento di alcune opere.

Notizie correlate
di Silvia Sanchini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna