lunedì 18 febbraio 2019
In foto: La Conferenza Internazionale sul turismo sostenibile si è chiusa sabato a Rimini, ma il dibattito non si è spento. L’Ufficio Studi e Ricerche della CGIL di Rimini, che ha partecipato ai lavori sul problema degli indicatori del turismo sostenibile, ripropone in un comunicato alcune riflessioni.
di    
lettura: 1 minuto
mar 3 lug 2001 11:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Dal 1950 al 2000 la nostra economia ha subito una rivoluzione, e i numeri lo indicano chiaramente: da 2,2 a 15 milioni di presenze, da 5mila a 40mila occupati, da 340 a oltre 2.600 alberghi, oltre a strutture di altro tipo. Una crescita che ha portato introiti ma anche notevoli costi indiretti per i soggetti pubblici. Nei periodi estivi –prosegue la CGIL- si arriva a 15mila presenze per chilometro quadrato: nessuna tecnica operativa del territorio può organizzare in modo efficiente e sostenibile una tale densità senza compromettere le risorse naturali non rinnovabili. Se si continua a misurare il nostro sistema turistico solo in termini di arrivi e presenze non ci sarà mai nessuna riflessione seria sul modello turistico di qualità. La sostenibilità di un ecosistema è un problema politico, che deve essere aperto a tutti i rappresentanti della comunità locale, non solo agli addetti ai lavori. Quanta salute di riserva avrà il nostro mare – si chiede la CGIL- se continuerà a ricevere tutti gli scarichi chi si accumulano dala Lombardia fino alle fogne di casa nostra? Walter Martinese rilancia il dibattito sul turismo sostenibile.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna