Indietro
menu
sabato i funerali

Una vita tra le scarpe da riparare. Riccione piange lo storico Tony

In foto: Tony nel suo negozio di calzolaio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 22 dic 2022 22:01 ~ ultimo agg. 24 dic 09:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Riccione paese in lutto per la scomparsa a 77 anni di Antonio Di Giuli, per tutti Tony, lo storico calzolaio di piazza dell’Unità. A dare l’annuncio sui social della sua scomparsa la figlia che, con lui e la moglie Iride, gestiva il negozio di calzature, attiguo al laboratorio di riparazioni scarpe, attivo da oltre 50 anni. I funerali avranno luogo domani, sabato 24 dicembre, alle 11, nella chiesa San Martino di Corso Fratelli Cervi (dove è prevista la veglia funebre questa sera alle 20,30).

La figlia lo saluta in modo affettuoso, ritraendolo nella “bottega” dove ha riparato le calzature di gran parte dei riccionesi e non solo. Ad accompagnare la foto la frase “hai finito di fare le scarpe a tutti. Buon viaggio babbo”.

Tony era sempre nel piccolo locale pieno che odorava di colla e di pelle, con scarpe in ogni angolo, instancabile e pronto ad offrire la sua competenza e la lunga esperienza per sistemare suole e tacchi. Solo poche settimane fa, il 22 ottobre, in occasione del compleanno di Riccione appariva in un video per fare gli auguri alla sua città.

La sindaca di Riccione Daniela Angelini e l’amministrazione comunale si uniscono al cordoglio: “Riccione per uno dei suoi simboli. Tony, artigiano e commerciante dalla battuta sempre pronta, era veramente una bella e simpatica persona. Aveva avviato la sua attività in una piccola botteguccia per poi costruire l’attività in piazza Unità che stanno portando avanti i suoi figli. Continuava a svolgere anche il mestiere del calzolaio, un’attività sempre più rara ma preziosa e necessaria per una città. A nome mio e dell’amministrazione comunale di Riccione voglio fare sentire forte l’abbraccio della comunità alla famiglia Di Giuli”.