Indietro
menu
Nuova impennata

Aggiornate tariffe gas: a novembre +13,7%. Federcons: spesa di 1740 € all'anno

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 2 dic 2022 18:49 ~ ultimo agg. 18:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Arera, l’autorità per l’energia, ha aggiornato le tariffe del gas per il mese di novembre per i clienti del mercato tutelato. Dopo l’illusione data dal ribasso di ottobre, si registra una nuova impennata del 13,7% rispetto al mese precedente. La spesa per il gas della famiglia tipo nell’anno scorrevole (compreso tra il 1° dicembre 2021 e il 30 novembre 2022) è di circa 1.740 euro, +63,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente. Lo rileva Federconsumatori Rimini che parla di “un dato particolarmente allarmante, soprattutto viste le rigide temperature. Tale aumento, inoltre, contribuirà ulteriormente alla crescita dell’inflazione, già al +11,9%. Per questo è necessario un intervento più incisivo del Governo, che vada oltre le misure già previste in manovra, per aiutare le famiglie a sostenere tali costi“.

L’associazione da tempo chiede:
– La sospensione dei distacchi per morosità per le famiglie;
– Una rateizzazione lunga delle bollette, consentita dal Dl Aiuti quater solo alle aziende;
– La riforma della bolletta, che preveda una riduzione stabilmente degli oneri fiscali e parafiscali;
– La costituzione di un albo dei venditori, accreditati in base a requisiti e garanzie in termini di solidità, affidabilità, qualità del servizio e sostenibilità ambientale e sociale;
– La ridefinizione del sistema di formazione dei prezzi dell’energia, considerando la media ponderata dei costi delle diverse fonti e disaccoppiando elettricità e gas, per contrastare più efficacemente le speculazioni (considerando le forti spinte al rialzo del costo dell’elettricità);
– La pianificazione di una politica industriale ed energetica di rilancio degli investimenti sulle fonti rinnovabili e sulle tecnologie di accumulo, adottando misure di sostegno allo sviluppo delle comunità energetiche;
Le risorse per mettere in atto tali misure – prosegue Federconsumatori – possono e devono essere ricavate anche dal rafforzamento degli strumenti di supertassazione degli extraprofitti realizzati dalle grandi imprese energetiche (in tal senso quella prevista in manovra appare del tutto inadeguata) e da altre aziende in settori quali quello farmaceutico, finanziario, creditizio e dell’e- commerce. Ci aspettiamo che il Governo, nell’ottica di definire delle misure che siano realmente di aiuto alle famiglie, organizzi, come da ungo tempo non avviene, un incontro con le Associazioni dei consumatori” conclude la nota.