Indietro
menu
Cesenatico escluso eccellente

Dragaggio porti, due milioni dalla Regione. Gli interventi in provincia

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 17 nov 2022 16:06 ~ ultimo agg. 16:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Regione Emilia-Romagna mette in campo circa due milioni di euro per il dragaggio dei porti nel prossimo triennio. La novità è stata illustrata in commissione regionale. Per il triennio 2022-2024, come ha spiegato l’assessorato competente, sono stati giudicati prioritari gli interventi non ricompresi “nella precedente programmazione” e in generale i contributi sono stati divisi in 1.950.000 euro per interventi sui porti regionali e 700.000 euro per i porti comunali e per la navigazione interna. In dettaglio i finanziamenti per i porti regionali ammontano a 600.000 euro a Cattolica, 250.000 a Comacchio, 200.000 a Goro e 200.000 a Rimini, mentre gli interventi sugli approdi interni riguardano 216.000 euro per Bellaria, 70.000 per Cervia, 100.000 a Goro, 218.000 a Riccione, 40.000 a Boretto e 55.000 a Sissa Tre Casali. Escluso di spicco quello del Comune di Cesenatico non accolto “in quanto particolarmente ingente” e oltretutto “non frazionabile”.

Nadia Rossi, consigliera regionale Pd e vicepresidente della Commissione Territorio, commenta: “Un investimento che si inserisce nel quadro dei numerosi interventi più strutturali attinti dalla Regione anche da altri filoni come quello del FEAMP – Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca. Di recente poi è stato stanziato un investimento da 4 milioni di euro sul territorio riminese per la sicurezza e la riqualificazione degli snodi locali e lo sviluppo turistico e commerciale della Riviera: un’azione importante che si traduce in più servizi, più tranquillità per chi utilizza i nostri porti e maggiore possibilità di crescita non solo del settore turismo. Con i Comuni portiamo avanti obiettivi di sviluppo sostenibile ed efficientamento energetico per una complessiva svolta ecologica anche del comparto portuale e di tutto quello che vi ruota attorno.”