Indietro
menu
contratti tra 2004 e 2005

A Coriano estinzione mutui anticipata per 490mila euro

In foto: Gianluca Ugolini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 7 nov 2022 13:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sarà deliberata questa sera nel consiglio comunale di Coriano l’estinzione anticipata di n. 28 mutui per un importo totale di circa 490.000 euro. Si tratta di mutui contratti con la Cassa depositi e prestiti spa tra il 2004 ed il 2005 ad un tasso medio del 4,68%, la cui scadenza naturale è prevista a fine 2024 e fine 2025.

Le condizioni macro economiche – spiega l’amministrazione – stanno portando le banche ad aumentare i tassi di interesse, a seguito anche degli aumenti registrati da luce e gas e del conseguente rialzo dell’inflazione. La conseguenza è che l’estinzione anticipata dei mutui, rispetto a qualche anno fa, è tornata ad essere un’operazione molto più conveniente in quanto a fronte di un indennizzo di circa 7.000 euro da pagare alla Cassa, il Comune di Coriano beneficerà di un risparmio sugli interessi passivi di 30.000 euro. Non solo. La chiusura anticipata dei mutui permetterà di ridurre la quota capitale di ammortamento dei mutui da pagare con risorse di bilancio di € 226.786 per ciascuno degli anni 2023 e 2024 e di € 66.760 nel 2025. L’operazione sarà finanziata grazie all’avanzo libero e ai risparmi conseguiti negli esercizi precedenti e permetterà di affrontare con minori difficoltà una non facile manovra di bilancio, alle prese con il caro bollette e gli aumenti generalizzati dei prezzi.

Per il sindaco di Coriano Gianluca Ugolini “L’azione di contenimento della spesa pubblica intrapresa negli anni scorsi non si ferma e prosegue anzi con forza sempre maggiore per liberare risorse utili al bilancio comunale e conseguentemente ai cittadini. Un lavoro costante che i nostri uffici ai tributi stanno portando avanti con grande attenzione ai fini della progressiva riduzione dell’indebitamento ereditato dal passato e di una oculata gestione delle stesse risorse”.