Indietro
menu
Virus si endemizza

Fiaso: aumentano ricoveri Covid ma pazienti arrivano per altre patologie

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 12 ott 2022 13:01 ~ ultimo agg. 13 ott 11:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In una settimana il numero di pazienti Covid è salito del 37% (dopo il +39% di quella precedente) ma si tratta “quasi completamente relativo ai cosiddetti pazienti con Covid, arrivati in ospedale per la cura di altre patologie e trovati incidentalmente positivi al virus attraverso il tampone pre-ricovero“. Lo rileva il comunicato diffuso da Fiaso e relativo agli ospedali sentinella. Rispetto al report del 4 ottobre, la quota di pazienti ricoverati ‘Con Covid’ è cresciuta del 64% mentre l’incremento dei ricoverati ‘Per Covid’, ovvero coloro che hanno sviluppato sindromi respiratorie e polmonari, è stato del 6%. Si assiste, dunque, a un aumento netto dei posti letto occupati nei reparti Covid ordinari del 38,9% mentre le terapie intensive registrano un lieve scostamento di tre pazienti in più. “A fronte di un significativo aumento dei ricoveri, registriamo, però, una crescita quasi del tutto a carico di pazienti positivi ma senza sintomi tipici del Covid, che arrivano in ospedale per curare altre malattie“, commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore. “Questo trend, se confermato, vorrebbe dire che ci troviamo di fronte a una endemizzazione del Covid: il virus circola molto– chiarisce Migliore- ma incontra le difese immunitarie della stragrande maggioranza della popolazione che ha ricevuto la vaccinazione e i richiami o ha già contratto l’infezione. Questo non deve farci abbassare la guardia perché gli anziani e i fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni, ecco perché è necessario ribadire l’invito alla vaccinazione con la quarta dose“, conclude. Guardando alla distribuzione geografica, la curva sale al Nord del 45%, mentre al Centro l’aumento è del 57% mentre al Sud e nelle Isole la crescita dei ricoverati continua a essere inferiore rispetto al resto del Paese (+5,5%). I dati dei pazienti ricoverati in rianimazione, per gli esperti di Fiaso, “confermano l’utilità della vaccinazione nella protezione dalle forme gravi della malattia e la necessità di procedere con la quarta dose per anziani e fragili. Nelle terapie intensive degli ospedali sentinella permane una quota pari al 20% di pazienti no vax. L’età media dei non vaccinati si è abbassata a 59 anni e va sottolineato come il 100% di coloro che non ha effettuato il vaccino e si trova ricoverato in rianimazione è affetto da patologie pregresse. I pazienti vaccinati, invece, che hanno un’età media molto più alta pari a 70 anni, nel 93% dei casi hanno altre patologie ma tutti coloro che sono arrivati in terapia intensiva risultano essere sprovvisti della copertura vaccinale della quarta dose“. Per quanto riguarda i pazienti sotto i 18 anni, dall’osservatorio dei quattro ospedali pediatrici e dei reparti di pediatria degli ospedali aderenti alla rete sentinella di Fiaso emerge come nell’ultima settimana ci sia stato un calo deciso” di minorenni ricoverati con infezione da Sars-Cov-2: in sette giorni -38%. Nella precedente rilevazione del 4 ottobre, conclude la nota, la percentuale dei pazienti minori di 18 anni non aveva subito variazioni.