Indietro
menu
Protezione per le imbarcazioni

Avamporto di Rimini: approvato dalla Regione il contributo per il progetto

In foto: il molo di Levante
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 14 ott 2022 07:29 ~ ultimo agg. 13 ott 19:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si sono conclusi questo settimana tutti gli atti, da parte della Regione Emilia Romagna relativi all’approvazione delle graduatorie per i contributi del bando “Progetti per i porti regionali, per i porti comunali marittimi e per i porti e approdi interni”. In questo canale di finanziamento Rimini è risultata prima nella categoria ‘Porti regionali’.

Con un contributo di 1,5 milioni – il 71,43 % della spesa totale – viene finanziato il progetto di fattibilità tecnico ed economica per il completamento dell’avamporto di Rimini,  che la Giunta comunale aveva approvato lo scorso agosto. Un progetto che avrà un costo complessivo di 2,1 milioni e che quindi avrà un importo di cofinanzamemto di circa 600 mila euro.

Le opere previste hanno come obiettivo principale il miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza della navigazione nell’imboccatura del porto canale, favorendo allo stesso tempo l’attività degli operatori, oltre che dei corpi quali Guardia costiera e Guardia di Finanza.  Per tale ragione le soluzioni progettuali sono state sviluppate e condivise da Comune e progettisti con gli operatori del mare, analizzando così le esigenze delle diverse tipologie di natanti.

Il contributo consentirà di realizzare il primo stralcio del progetto che prevede il prolungamento lineare del Molo di Levante per circa un centinaio di metri. Un secondo lotto interesserà poi il molo di Ponente, con la realizzazione di una diga foranea di massi naturali. Spiega l’Assessora all’ambiente Anna Montini: “L’intervento si andrà a integrare ai due tratti di scogliera già realizzati, aumentando la protezione per le imbarcazioni anche in caso di venti di tramontana o di maestrale,  riducendo il deposito di materiale e mantenendo la profondità dei fondali.”