Indietro
menu
continue vessazioni

Si ferma in corsia d'emergenza sull'A14 e picchia la compagna, arrestato

In foto: un agente della Polstrada
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 4 ago 2022 14:42 ~ ultimo agg. 5 ago 10:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In preda all’ira si è fermato, in piena notte, sulla corsia di emergenza dell’autostrada e ha riempito di botte la compagna. La donna è riuscita a chiamare la polizia che, con una pattuglia della stradale, è arrivata in prossimità dell‘uscita di Rimini Sud, dove l’auto era ancora ferma. Non appena i poliziotti sono arrivati, la 32enne è corsa verso di loro in lacrime per chiedere aiuto, perché l’uomo continuava ad essere agitato, e dopo averla picchiata aveva anche gettato i suoi bagagli fuori dall’auto.

La vittima aveva lividi su gambe, volto e labbra, escoriazioni sulle braccia ed anche un taglio all’altezza del torace ed è stata subito portata all’ospedale Infermi dove agli agenti ha raccontato come le vessazioni e le botte da parte del compagno violento, un 31enne, erano da tempo all’ordine del giorno, anche se non lo aveva mai denunciato.

I due, lei è originaria dell’Abruzzo, convivevano assieme in un hotel di Rimini, dove soggiornavano per lavoro. L’ultimo episodio di violenza si era verificato poco prima della sfuriata in autostrada, proprio in hotel. Mentre la donna stava raccogliendo una bottiglia di vino che l’uomo aveva fatto cadere, lui si sarebbe scagliato con violenza verso di lei, colpendola con calci alle caviglie e provocandole con un frammento di vetro quella ferita sul torace.

Durante il controllo in A14 il 31enne aveva con sé anche un coltello con una lama di 10 centimetri. E’ stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate ed è stato portato alla casa circondariale dei Casetti. La 31enne se l’è cavata con pochi giorni di prognosi.

Meteo Rimini
booked.net