Indietro
menu
I dati di Riccione Turismo

Raddoppiano le richieste di preventivo. E l'intelligenza artificiale fa mille conversazioni

In foto: L'intelligenza artificiale EVA per l'ospitalità turistica
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 4 ago 2022 12:47 ~ ultimo agg. 15:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I dati diffusi dall’associazione dicono che le richieste di preventivo riferite ai mesi di giugno e luglio 2022 fanno segnare un raddoppio rispetto all’anno scorso. Si registra un incremento del 50% su quelle dirette sia a giugno – 7.857 – sia a luglio: 11.309.

I dati si riferiscono alla finestra temporale 1° gennaio – 31 luglio. A fine luglio le richieste erano già 27.000, a fronte delle 24.200 totali del 2021.

Gli utenti del portale visitriccione.com sono in prevalenza italiani (quasi 9 su 10); il 60% di essi è rappresentato da donne e prevalgono le famiglie (60% famiglie – 40% coppie). Il periodo medio richiesto è 4 giorni.

La previsione – commenta Franco Vanucci, presidente del Consorzio – è che questi numeri continueranno a crescere, grazie anche alla spinta dei mesi d’agosto e settembre: anche la Moto GP farà la propria parte. Pertanto, contiamo di abbattere il muro delle 35mila richieste dirette entro le festività natalizie. Ciò sta a testimoniare l’interesse suscitato da Riccione e confermato dai forti segnali di ricerca sul portale. A tutt’oggi – dice Vanucci – grazie ad un tasso di conversione medio del 3% tra richieste inviate e soggiorni effettuati, possiamo stimare in un milione di euro il fatturato generato, nel solo 2022, da Riccione Turismo verso le 60 strutture alberghiere associate”.

Da segnalare anche i numeri in relazione ad EVA, il 1° avatar di Riccione. Il progetto-pilota, voluto dal Consorzio Riccione quale primo esempio d’intelligenza artificiale applicata al mondo dell’ospitalità e dell’intrattenimento, registra circa 1.000 conversazioni al giorno. Da agosto, il linguaggio utilizzato da EVA diventa ancora più giovane e diretto per intercettare e coinvolgere un maggior numero di utenti finali.