Indietro
menu
A larga maggioranza

Rinnovato il contratto integrativo Scm: trattativa durata sei mesi

In foto: Scm Group Rimini veduta aerea
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 4 giu 2022 18:42 ~ ultimo agg. 14:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si sono concluse le ultime votazioni sull’ipotesi di accordo sottoscritta il 13 maggio tra le RSU, FIM FIOM UILM Nazionali e Territoriali e la direzione aziendale di SCM. La trattativa, durata oltre 6 mesi e con 13 incontri di gruppo più tre specifici per la Fonderia di Villa Verucchio, è stata ratificata dal voto che riguardava poco meno di 2.000 lavoratrici e lavoratori suddivisi in 8 stabilimenti principali, riguardanti i territori di Rimini, Thiene e Sinalunga. Oltre 1300 sono coloro che hanno partecipato al referendum e che si sono espressi oltre l’86 % per il Sì.
Dei 22 punti della piattaforma illustrata nelle assemblee, spiegano i sindacati, solo alcuni non hanno ottenuto un riscontro positivo.
Questo rinnovo – si legge nella nota firmata dal Coordinamento SCM Group, Fim, Fiom, Uilm, Nazionali e territoriali – partiva con l’ambizione di migliorare il buon contratto precedentemente stipulato. Frutto di una trattativa anch’essa lunga, il rinnovo 2017 si inseriva in un contesto di crescita economica che ha permesso all’azienda un percorso di sviluppo importante. Il contesto di questa trattativa è stato completamente diverso. La crisi globale dovuta al covid, le difficoltà di reperimento materiali e componentistiche. Il vertiginoso aumento delle spese delle logistiche e tutti i limiti di un’economia globalizzata che ha allungato le filiere a dismisura, in ultimo il carico del conflitto russo-ucraino. Al pari di altre realtà, anche per Scm questo ha inciso e inciderà sugli obiettivi dati, ma definire un rinnovo del contratto integrativo è stata una scelta condivisa anche nell’ottica di affrontare una possibile ripresa del mercato potendo contare su un clima interno alle fabbriche positivo“.
Questi i punti qualificanti dell’accordo, sottolineati dalle parti sociali:
Mercato del lavoro, estendendo in ogni sito le buone pratiche di confronto e informazione sui lavoratori somministrati, che sono all’interno del bacino Scm dopo 4 mesi e che dal precedente accordo hanno la possibilità di avere un percorso di stabilizzazione definito.
Diritti sindacali, migliorando aspetti legati alla pratica quotidiana, come poter avere un riscontro entro un tempo prefissato per le proprie richieste di ferie/permessi.
Sicurezza e ambiente di lavoro, implementando i confronti sugli infortuni e quasi infortuni, al fine di sviluppare un percorso volto a prevenire gli incidenti, nonché avviare una revisione rispetto al tema stress da lavoro correlato.
Permessi per visite specialistiche, introducendo per la prima volta in Scm questo diritto per il lavoratore – coniuge- figli, nella misura di 8 ore annue e per la vigenza del contratto;
-Sul controllo a distanza, stabilendo un perimetro rispetto al tema dei dati che l’azienda utilizza al fine del processo produttivo e relegandoli a quel solo ambito e non al controllo della prestazione e rendimento.
Smart Working, formalizzando per la prima un protocollo per un utilizzo di questa modalità organizzativa.
Trasferte, migliorandone le quote economiche.
Malattia, rendendo più agevole verificare lo stato delle proprie malattie in relazione alla salvaguardia del posto di lavoro.
Premio di risultato, sancendo una chiusura economica in funzione dei risultati raggiunti almeno a 1900 euro per il 2021 o superiore. Migliorando il valore del premio economico in termini nominali, che nel 2024 sarà dell’ordine di 2325 euro ma soprattutto intervenendo su una serie di fattori tecnici, oltre che nella gestione trimestrale dei dati, tali da permettere realmente che quel valore possa essere pienamente raggiungibile.

Infine, il capitolo della transizione ecologica che vedrà operare Scm nel prossimo futuro su vari fronti. “Necessario in questo lo sviluppo di un confronto ed un apporto continuo di lavoratori e delegati. L’impegno costante e continuo del Coordinamento e in particolare delle RSU, hanno permesso di ottenere un ottimo risultato in termini di acquisizione e redistribuzione e apprezzato dalle lavoratrici e dai lavoratori” concludono i sindacati.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
intervista Cristiana Balducci

Valturio Economia 2023, energie in circolo

di Stefano Rossini
VIDEO
Istituto Sismico italiano

Per l'Europa case sempre più green

di Redazione