Indietro
menu
l'impegno del comune

Valori riscatto Peep. Depositato emendamento per evitare la beffa

In foto: il V Peep
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 27 mag 2022 12:42 ~ ultimo agg. 28 mag 10:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un emendamento urgente per cercare di ovviare al colpo di spugna sui corrispettivi di riscatto per le aree Peep inferto dal Governo con l’approvazione del decreto sull’Emergenza Ucraina (vedi notizia). Un vero e proprio fulmine a ciel sereno per i residenti che, a poco più di 10 mesi dal precedente provvedimento che fissava i tetti massimi di riscatto a 5.000 e 10.000 euro (in base ai metro quadrati dell’appartamento), con le nuove norme si vedrebbero invece costretti a sborsare cifre ben più alte. L’amministrazione riminese, attraverso un lavoro di squadra con altri Comuni interessati, il presidente dell’assemblea legislativa regionale Emma Petitti e alcuni parlamentari, è riuscita a far inserire un emendamento al “decreto aiuti” che dispone un periodo transitorio nel quale mantenere in vigore la vecchia normativa (e quindi i tetti massimi) per tutte le istanze presentate fino al 20 maggio, data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo decreto. “Non si possono cambiare le regole in corsa senza gestire un periodo transitorio. E’ una questione di equità e tutela del diritto” ha detto in consiglio comunale l’assessora al Demanio Roberta Frisoni rispondendo alle tre interrogazioni sul tema proposte dai consiglieri di maggioranza Bellucci e Petrucci e da quello di minoranza Marcello. A Rimini sono 1700 gli immobili potenzialmente interessati dal provvedimento e oltre 900 le istanze pervenute. Tante le istruttorie in itinere che avrebbero visto, in corsa, aumentare i valori di riscatto. Ora si attende il via libera all’emendamento per evitare la beffa.