Indietro
menu
proseguono le sospensioni

Vaccino e medici contestatori. Grossi (presidente Ordine): confronto ma su basi scientifiche, verifiche su deontologia

In foto: il presidente Maurizio Grossi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 4 mag 2022 12:16 ~ ultimo agg. 17:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal presidente dell’Ordine dei Medici di Rimini Maurizio Grossi una decisa risposta alle posizioni espresse dal gruppo “Siamo medici” contro la validità del vaccino (vedi notizia). La lettera, inviata da una sessantina di medici, era stata presentata anche all’ultima assemblea. Il presidente Grossi sostiene con forza come il vaccino sia “il più grande baluardo contro il coronavirus così come lo sono stati altri vaccini nella storia”. L’ordine è pronto a confronti “Purché si svolgano su basi e fonti scientifiche. Con dati, validazioni e sperimentazioni tipici del percorso scientifico”.

Proseguirà l’azione di sospensione dei medici non vaccinati così come prevede la legge. Ad oggi sono ancora quaranta i medici riminesi sospesi. Tra i firmatari della lettera ci sono anche dei medici che hanno presentato ricorso al Tar contro la sospensione; i tribunali finora hanno dato ragione all’ordine dei medici. Di fronte a questa minoranza, il 3%, “che si sta portando fuori da sola dalla professione medica” e ora si dovrà valutare, a livello di Ordine, se con le loro posizioni e le loro dichiarazioni siano usciti fuori dalla deontologia e siano suscettibili di procedure disciplinari. Sottolineando come comunque ci sia “una maggioranza di medici che lavora quotidianamente e silenziosamente negli ambulatori e negli ospedali”.