Indietro
menu
Il messaggio della Segre

Liliana Segre è cittadina onoraria di Santarcangelo

In foto: Liliana Segre al Parlamento europeo © European Union
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 2 mag 2022 11:45 ~ ultimo agg. 10 mag 16:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La senatrice a vita Liliana Segre è cittadina onoraria di Santarcangelo. Il conferimento è stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di giovedì 28 aprile, facendo seguito alla mozione proposta dal consigliere Marco Fabbri (Partito Democratico) il 31 gennaio scorso. Deportata a 13 anni nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau – dove rimase per più di un anno – ancora oggi la senatrice è costretta a fronteggiare atti di discriminazione per la sua origine ebraica.

Stimata Sindaca di Santarcangelo di Romagna, è un onore per me aver ricevuto la cittadinanza onoraria della vostra Città, che dunque da oggi sarà anche un po’ mia” si legge nell’indirizzo di saluto trasmesso dalla senatrice Segre alla sindaca Parma all’indomani del conferimento. “Questa onorificenza crea fra di noi non solo un legame morale, ideale e civico, ma un idem sentire di comunità radicato anche nei principi e nei valori della nostra Costituzione repubblicana ed antifascista. Con questo spirito ringrazio Lei e l’intero Consiglio Comunale per l’onorificenza che mi rende Vostra concittadina”.

Purtroppo comprensibili ragioni non mi consentono di essere presente in Città come vorrei” prosegue la senatrice. “Ci tengo però che giunga a voi tutti il mio pensiero, la fiducia che i valori di giustizia, di libertà, di eguaglianza fra le persone e di pace fra le nazioni divengano ogni giorno di più patrimonio della nostra Comunità, alla quale colgo l’occasione per augurare un futuro di prosperità e di progresso morale e civile”.

Il periodo che ci stiamo lasciando alle spalle è stato fra i più drammatici della storia del nostro Paese e del mondo intero, ma gli scenari che si aprono con la guerra di aggressione all’Ucraina devono rendere l’Europa e noi tutti tanto più consapevoli dell’impegno necessario in particolare per la pace e la giustizia fra i popoli” conclude Liliana Segre. “Grazie di nuovo e un caro saluto a Lei, al Consiglio comunale, alle ragazze e ai ragazzi di Santarcangelo, a tutti i miei nuovi Concittadini”.

La cittadinanza onoraria a Liliana Segre assume se possibile un’importanza ancora maggiore alla luce della guerra in Ucraina – afferma la sindaca Alice Parmache rende ancora più attuale il suo messaggio contro ogni forma di odio tra le persone e i popoli. Le sue parole di apprezzamento ci onorano profondamente, sapremo fare tesoro del suo invito a perseguire la pace e coltivare il nostro impegno a sostegno della memoria e della conoscenza storica”.

Vedere il Consiglio comunale approvare all’unanimità sia la mozione che la delibera di conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre è stato motivo di grande soddisfazione” dichiara la presidente del Consiglio, Cristina Fabbri. “Come rappresentanti eletti dai cittadini di Santarcangelo, le siamo vicini sia per quello che ha vissuto sia per l’impegno profuso nel testimoniare l’orrore delle discriminazioni razziali e della violenza, fondamentale per diffondere la pace e la concordia tra i popoli”.