Indietro
menu
Legali a disposizione

Adunata e molestie. Non una di meno: avanti con le denunce, i casi molti di più

In foto: da Facebook Non una di Meno
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 12 mag 2022 11:16 ~ ultimo agg. 14:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Più di 160 persone ci hanno raccontato i fatti delle molestie subite. Più di 500 persone ci hanno segnalato di averle ricevute (senza raccontare i fatti) e sono numeri anche ridimensionati rispetto al fenomeno”. Lo fanno sapere Non una di Meno Rimini, Casa Madiba Network, Pride Off, le realtà che si sono attivate per raccogliere le segnalazioni di episodi avvenuti durante l’Adunata.

“Non consideriamo necessario che ci siano delle denunce per credere alla verità delle molestie, sappiamo che sono accadute molte più di quelle che sono arrivate a noi”.

E ancora: “Sappiamo che denunciare è difficile, che spesso chi decide di farlo vive una seconda violenza davanti alle forze dell’ordine che tendono a minimizzare e a sminuire la vittima. Ma in questo caso le denunce possono essere una leva in più perché le molestie che si ripetono ad ogni adunata non possano passare sotto traccia come accaduto in passato. Con i legal* e alcune persone che ci hanno mandato le segnalazioni ci stiamo organizzando per formalizzare le denunce in Questura”.

Non una di Meno Rimini, Casa Madiba Network, Pride Off mettono i legali di fiducia a disposizione di chiunque voglia denunciare. “Stiamo raccogliendo inoltre con i nostri avvocat* tutte le segnalazioni, i video e le foto di questi giorni per valutare la procedura legale più opportuna da adottare collettivamente”.