Indietro
menu
I progetti sulla Marecchiese

Marecchiese. Santi al Comitato: dibattito aperto, non a senso unico

In foto: Riziero Santi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 11 apr 2022 13:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il dibattito sulla strada Marecchiese. Dal sondaggio commissionato dal comitato Valmarecchia Futura emerge infatti che il 92,5% delle 843 persone che hanno risposto ritiene la strada non all’altezza del traffico (vedi notizia). Gli esiti sono stati presentati in una serata svoltasi a Novafeltria nella quale è emerso anche l’interesse della Regione Toscana e della Repubblica di San Marino ad una Marecchiese profondamente rivista e in grado di abbreviare i tempi di percorrenza. Secondo il Comitato la risposta alle esigenze del territorio è la realizzazione di una nuova Marecchiese mentre la Provincia e i comuni si stanno muovendo per una riqualificazione dell’attuale tracciato col trasferimento del traffico pesante (con una bretella) sulla E45 ed altre migliorie. “Se oggi, come ha rilevato il sondaggio del Comitato Marecchiese – scrive il presidente il presidente Riziero Santi parlando di un dibattito aperto e non a senso unico, il 93% si muove in auto e solo l’1,6% con mezzi pubblici è sicuramente un problema, ma la risposta giusta non è nel favorire il trasporto privato potenziando la rete viaria per aumentare la velocità dei mezzi, ma sta invece nell’offrire loro un’alternativa, anzi più alternative. Un trasporto pubblico e scolastico efficiente con corsie preferenziali e la possibilità di caricare le bici, una distribuzione urbanistica razionale delle diverse funzioni pubbliche e private, una regolazione fra il traffico veicolare pesante e quello leggero, alcune bretelle e bypass strategici e messa in sicurezza dei tratti che presentano un più alto tasso di incidenti”. Santi spiega che molti temi saranno approfonditi “durante il percorso di elaborazione dello studio di fattibilità sulla Marecchiese, messo in campo con il Protocollo sottoscritto con tutti i sindaci e commissionato all’architetto Preger, ma anche nel percorso per l’approvazione del nuovo Piano Territoriale di Area Vasta della Provincia e dei PUG dei Comuni”.

L’intervento di Riziero Santi

“Il dibattito sul miglioramento della Marecchiese – riflette il presidente della Provincia di Rimini, Riziero Santi – è aperto, ma non a senso unico. Chi ritiene di affrontare e risolvere il problema dello spopolamento semplicemente con una nuova strada, ovvero con una strada Marecchiese più veloce, non fa i conti con la realtà e con i bisogni reali della popolazione dell’alta Valmarecchia. Un esempio? La Valle dei Savio, a pochi chilometri da qui e con le stesse nostre caratteristiche, è ben servita dall’E45 ma nonostante questo, come certificano i dati ISTAT, registra problemi di spopolamento maggiori di quelli della Valmarecchia. Ci si chiede il perché? La ragione è che lo spopolamento si combatte con l’implementazione e la modernizzazione dei servizi e garantendo una maggiore qualità della vita, non con una strada più grande e veloce che giustifica, al contrario, lo schiacciamento a valle dei servizi e favorisce il mordi e fuggi. Non vanno quindi favorite le condizioni per uscire dal territorio e rientrarvi più velocemente, ma semmai, e al contrario, migliorarne le condizioni di vita per tenere la popolazione sul territorio, perché lo spopolamento non si combatte con più cemento e più catrame ma portando lavoro e servizi. Questo è il nostro imperativo. Le risposte prioritarie sono quindi la qualità ambientale e servizi potenziati, qualificati e messi in rete: ospedale, pronto soccorso, asili, scuole, sportelli pubblici, messi in rete con poli funzionali e centri commerciali naturali collocati all’interno di aree urbane e borghi rigenerati, dotati di un sistema ricettivo moderno, qualificato e coerente con la qualità dei luoghi. Poi c’è il tema della mobilità. Se oggi, come ha rilevato il sondaggio del Comitato Marecchiese, il 93% si muove in auto e solo l’1,6% con mezzi pubblici è sicuramente un problema, ma la risposta giusta non è nel favorire il trasporto privato potenziando la rete viaria per aumentare la velocità dei mezzi, ma sta invece nell’offrire loro un’alternativa, anzi più alternative. Un trasporto pubblico e scolastico efficiente con corsie preferenziali e la possibilità di caricare le bici, una distribuzione urbanistica razionale delle diverse funzioni pubbliche e private, una regolazione fra il traffico veicolare pesante e quello leggero, alcune bretelle e bypass strategici e messa in sicurezza dei tratti che presentano un più alto tasso di incidenti. Di tutto questo discuteremo serenamente e approfonditamente durante il percorso di elaborazione dello studio di fattibilità sulla Marecchiese, messo in campo con il Protocollo sottoscritto con tutti i sindaci e commissionato all’architetto Preger, ma anche nel percorso per l’approvazione del nuovo Piano Territoriale di Area Vasta della Provincia e dei PUG dei Comuni, che devono sposare questa filosofia in controtendenza con un approccio del passato che ha invece privilegiato l’accentramento dei servizi. Tutto ciò nel solco di quanto definito strategicamente nel Patto provinciale per il lavoro e per il clima sottoscritto di recente con tutti i Comuni, le parti sociali e la Regione Emilia-Romagna.”