Indietro
menu
La strada di Romagna Next

Guerra in Ucraina, Rimini economicamente esposta. Sadegholvaad: reagire insieme

In foto: i protagonisti di Romagna Next
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 7 mar 2022 12:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina il quotidiano economico ‘Il Sole 24 Ore’ ha pubblicato un approfondimento sui primi effetti della guerra russo/ucraina sui distretti industriali italiani. La provincia di Rimini è tra quelle più esposte per export verso la Russia, al terzo posto in Italia (dopo Milano e Vicenza) con 214 imprese che fanno oltre il 50 per cento del loro fatturato in Russia, dando queste lavoro a 455 persone. Sono per lo più aziende che producono abbigliamento e calzature.

Alla notizia si affianca l’annunciato sciopero della Marineria italiana che in queste ore non metterà barche e pescherecci in mare a causa del caro gasolio che rende pressoché insostenibile e antieconomica l’attività della pesca. Lungo la costa riminese operano, secondo i rapporti sulla Blue Economy o economia del mare, quasi 5mila imprese per 20mila occupati, tra diretti e indotto.  

Notizie che sottolineano, per il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, “la fase delicatissima in cui l’Europa, l’Italia, l’Emilia Romagna, la provincia di Rimini stanno organizzando un già complesso rilancio dopo i due pesantissimi anni della pandemia. Il Governo è chiamato ad assumere provvedimenti e decisioni per fare in modo che la macchina della ripresa non si inceppi dopo solo poche centinaia di metri. Ma come territorio regionale e romagnolo dobbiamo anche noi fare la nostra parte. E la nostra parte, ad esempio, la si fa dando sostanza a progetti e programma di area vasta, dove i territori si alleino per resistere meglio agli urti dei tempi. Romagna Next è una delle chiavi per affrontare assieme forse la fase più complessa della storia nazionale degli ultimi 50 anni. L’unione dei servizi primari può rappresentare l’ancora da utilizzare come solida base d’appoggio per riemergere. È vero, stiamo programmando il futuro non potendo dire che ci siamo allontanati troppo da un difficile presente. Ma l’atteggiamento deve essere pro attivo. Possiamo farcela ma a una condizione: farcela insieme”.