Indietro
menu
Coronavirus Rimini Santarcangelo

Rette nidi. A Santarcangelo un'ulteriore decurtazione in caso di quarantena

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 8 feb 2022 15:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Giunta comunale di Santarcangelo ha deliberato un’ulteriore decurtazione delle rette dei nidi d’infanzia e del servizio spazio bambini “Piccola rosa” in caso di chiusura per Covid.
La delibera prevede una riduzione tariffaria del 25% sulla quota fissa della retta applicata nelle mensilità interessate da provvedimenti di chiusura per quarantena disposta dall’Ausl a causa della positività di uno o più bambini al Covid-19. La nuova disposizione vale sia per le sezioni del nido d’infanzia sia per il servizio integrativo “Spazio bambini”, permettendo di rimborsare le famiglie per un periodo di servizio non usufruito.

A questo si aggiunge l’estensione della riduzione della tariffa per malattia, già prevista per il nido d’infanzia, anche allo spazio bambini. Al nido d’infanzia, infatti, la quota fissa della tariffa per il servizio è dimezzata per i giorni di effettiva assenza del bambino in caso di ricovero ospedaliero, convalescenza post-ricovero o infortunio; malattia debitamente certificata superiore a 60 giorni; malattia rara riconosciuta dall’Istituto nazionale di sanità e documentata dal medico curante del bambino. Ora questa riduzione sarà valida anche per il servizio “Piccola rosa”.

Dopo le misure di supporto alle famiglie messe in atto nel 2020 e nel 2021, abbiamo deciso di prevedere ulteriori decurtazioni sulle rette del nido d’infanzia e dello spazio bambini, dal momento che attualmente i contagi stanno interessando prevalentemente i più piccoli” dichiara l’assessora alla Scuola e ai Servizi educativi, Angela Garattoni. “L’obiettivo resta quello di andare incontro alle esigenze delle famiglie, riconoscendo una riduzione a chi non ha la possibilità di usufruire del servizio stesso per cause di forza maggiore come il Covid-19”.