Indietro
menu
Aggiornamenti in consiglio

Fittoni e telecamere in piazza Malatesta e il futuro del parcheggio Scarpetti

In foto: la cartellonistica in piazza Malatesta (lato Bonsi e lato rotatoria)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 26 feb 2022 16:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Come già anticipato nelle scorse settimane, anche a lavori ultimati piazza Malatesta a Rimini sarà un’area pedonale nella quale potranno accedere solo residenti e mezzi per il carico/scarico delle attività che insistono in zona. Lo ha spiegato l’assessora Roberta Frisoni rispondendo in consiglio comunale ad una interrogazione della consigliera Gloria Lisi. L’assessora ha precisato che gli ingressi saranno gestiti con il posizionamento di fittoni a scomparsa e controllati da telecamere. I mezzi autorizzati potranno accedere dalla rotatoria all’incrocio con viale Valturio e procedere in direzione via Bonsi/Bastioni oppure dirigersi verso le attività dell’area. Ci sarà, ha chiarito però la Frisoni, la separazione dei flussi verso la piazza: “non consentiremo un ingresso indiscriminato” ha detto.
Dall’assessora, sempre su sollecitazione della consigliera Lisi, sono arrivati anche aggiornamenti in merito al project financing per il parcheggio Scarpetti. “Il progetto ereditato dalle amministrazioni Gnassi – ha spiegato – prevedeva l’eliminazione di tutti gli stalli di sosta su strada nelle vie del quartiere Flori ed è stato ritenuto non accettabile. Si è lavorato così per cercare di accompagnare quell’investimento con altre modalità. Inoltre era subentrato anche un parere di Arpa che aveva portato a modificare il progetto con una cospicua riduzione del numero di posti auto.” L’amministrazione sta cercando di venire a capo della vicenda anche perché proprio il comune risulta, come precisato dall’assessora, non aver adempiuto alla previsione di eliminare i parcheggi del quartiere Flori come richiesto dai project originali. E’ stato così conferito negli anni scorsi un incarico ad un avvocato amministrativista per sviscerare le varie possibilità e gli scenari per uscire dalla situazione di stallo. “E’ compito di questa giunta chiudere in tempi rapidi questa vicenda” ha concluso l’assessora.