Indietro
menu
'Livelli mai visti'

Di Campi (FdI). Sicurezza e videosorveglianza: quando si comincia a fare sul serio?

In foto: Ada Di Campi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 25 feb 2022 11:19 ~ ultimo agg. 11:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Non c’è pace per la nostra città, abbiamo raggiunto livelli mai visti di eventi delittuosi ma se non si trovano soluzioni condivise partendo dall’evidenza, questi livelli non si potranno mai arrestare”. Lo afferma Ada Di Campi, Responsabile del Dipartimento Sicurezza, Legalità e Immigrazione per Fratelli d’Italia di Rimini in merito agli ultimi fatti di cronaca avvenuti a Rimini. Sul raid incendiario contro diverse auto in centro: “Non sappiamo per ora, se sono frutto di atti vandalici derivanti da semplice divertimento di gruppi di delinquenti che si ritengono immuni da ogni punizione o se ci sono motivazioni ben precise, ma in ogni caso l’amministrazione deve incominciare a valutare la gravità della situazione e affrontarla nella giusta maniera per non far perdere le speranze alla città o non farle perdere la pazienza. Il 9 febbraio 2022 è stato firmato in Prefettura “Il Patto per la Sicurezza” insieme ai 27 comuni della Provincia di Rimini. Tale Patto si sostanzia anche in attività di prevenzione e promozione della legalità. Sono anni che sentiamo parlare del potenziamento dei sistemi di videosorveglianza nella città per prevenire e contrastare la microcriminalità ma quando si incomincia a fare sul serio?”.

“La sicurezza non ha colore politico – conclude Ada Campi – Ogni cittadino ha il diritto di pretendere da quest’Amministrazione più serietà, rispetto un tema che diventa sempre più “scottante”, ricordando che il primo responsabile della sicurezza è il Sindaco, in base all’art 54 del T.U. Enti Locali”.