Indietro
menu
L'intervista

Cinema in crisi. Giometti: situazione devastante, chiuse 500 sale in Italia

In foto: Massimiliano Giometti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 24 feb 2022 13:36 ~ ultimo agg. 14:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Presentando l’evento in programma alle 18 di oggi (mercoledì) al Multiplex Le Befane di Rimini, dove saranno ospiti Riccardo Scamarcio e i protagonisti del film “L’ombra del giorno”, Massimiliano Giometti ha fatto il punto sul difficile momento dei cinema. 500 le sale che hanno chiuso in tutta Italia. “Una situazione devastante – commenta -: c’è stato un calo autunnale del 50% poi un bagliore di luce con Spiderman e a dicembre un nuovo tracollo. La chiusura dei bar (ndr nei cinema vige il divieto di consumo di alimenti e bevande) ci ha dato la mazzata definitiva. Non ho mai visto un Natale così vuoto. Stiamo pagando la perdita di abitudine della gente e la mancanza delle esclusive per i film rispetto alle piattaforme (era di 120 giorni prima della pandemia ma poi è stata tolta quando i cinema hanno chiuso e non ancora ripristinata). Ma vedere i film a casa è diverso: manca la condivisione.” “E’ triste – prosegue Giometti – e non c’è differenza tra monosale e multisale, è una situazione grave per tutti. Ora sta uscendo qualche film (Uncharted e presto The Batman) e speriamo in qualche cenno di ripresa.” Dal 10 marzo si potrà poi tornare a consumare cibo e bevande in sala e quindi potranno riaprire i bar dei cinema. Un provvedimento positivo ma che sa anche di beffa: “Gli spettatori – rivela Giometti – hanno continuato a consumare in sale portandosi il cibo da casa e nascondendolo poi sotto le poltrone. Così è anche più difficile pulire.