Indietro
menu
Sul piede di guerra

Proclamato stato d'agitazione per i driver della station Amazon Santarcangelo

In foto: il centro Amazon a Santarcangelo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 29 dic 2021 13:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Alla vigilia di Natale molti driver si sono presentati nella station Amazon di Santarcangelo per terminare il loro turno di lavoro ma si son visti impedire l’accesso dai responsabili e sono rimasti oltre due ore in mezzo in strada. A riepilogare l’episodio è Massimo Bellini della Filt Cgil di Rimini che ricorda come il contratto collettivo del Trasporto Merci preveda come semifestive le giornate del 24 e 31 dicembre, con prestazione lavorativa fino alle 13. “Alla luce di quanto accaduto e fermo restando che tale comportamento di AMAZON – scrive Bellini – sarà oggetto di valutazione per verificare se sussistano le condizioni per fare valere in sede legale i diritti lesi ai lavoratori, proclamiamo, sin da adesso l’apertura dello stato di agitazione dei driver della station AMAZON di Santarcangelo di Romagna e sollecitiamo le aziende di trasporto ed AMAZON a rispettare per il giorno 31 dicembre il CCNL, diffidando AMAZON a mettere in atto comportamenti lesivi del Contratto e della dignità dei driver“.

La nota della Filt Cgil di Rimini

Nonostante il 15 settembre 2021 sia stato siglato il primo importante protocollo delle relazioni industriali con AMAZON, probabilmente, per AMAZON, lo stesso non vale per Santarcangelo di Romagna e per i driver consegnatari che evidentemente godono, agli occhi di AMAZON, di meno diritti.

I fatti:

Premesso che il CCNL Trasporto Merci prevede che le giornate del 24 e 31 dicembre sono da considerarsi semi festive, con prestazione lavorativa fino alle ore 13,00,
Il giorno 24 dicembre, pur avendo concordato con le aziende dei driver, anche se non tutte avevano debitamente informato i propri driver e preavvisato AMAZON a mezzo pec, molti driver si sono presentati nella station di Santarcangelo per terminare il loro turno di lavoro ma, si son visti impedire l’accesso all’interno della station dai responsabili di AMAZON che impedivano, di fatto, l’ingresso dei lavoratori lasciandoli per oltre 2 ore in mezzo ad una strada al freddo. A nulla sono serviti i tentativi di mediazione di alcune RSA dei driver nei confronti dei responsabili AMAZON della station anzi, alla loro richiesta di rispetto del Contratto, gli stessi, rispondevano ai lavoratori che non erano a conoscenza di nulla, cosa peraltro non vera. Ciò la dice lunga come, da parte di AMAZON, venga tenuto in considerazione il lavoro dei driver, lavoratori di ditte esterne ad AMAZON, delle relazioni industriali e del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
Proprio alla luce di quanto accaduto e fermo restando che tale comportamento di AMAZON sarà oggetto di valutazione per verificare se sussistano le condizioni per fare valere in sede legale i diritti lesi ai lavoratori, proclamiamo, sin da adesso l’apertura dello stato di agitazione dei driver della station AMAZON di Santarcangelo di Romagna e sollecitiamo le aziende di trasporto ed AMAZON a rispettare per il giorno 31 dicembre p.v. il CCNL, diffidando AMAZON a mettere in atto comportamenti lesivi del Contratto e della dignità dei driver.
Sulla base di cosa accaduto il 24 dicembre e accadrà il 31 dicembre i lavoratori decideranno, in seguito quali iniziative adottare a sostegno del rispetto del CCNL e della loro dignità.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO