Indietro
menu
Da Cesare Mangianti

Mangianti (Rimini Coraggiosa): più turnover per alloggi pubblici e trattare su Villaggio Azzurro

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 23 set 2021 17:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo la richiesta di un piano casa, per il Comune di Rimini, Rimini Coraggiosa avanza anche delle proposte concrete per attuarlo. Da Cesare Mangianti, esponente di Rimini Coraggiosa ed ex presidente di Acer Rimini, la richiesta di norme per aumentare il turnover negli alloggi pubblici e quella di aprire una trattativa per acquisire gli alloggi invenduti del Villaggio Azzurro.

“La Legge regionale n.13 sulle politiche abitative prevede che gli alloggi di proprietà comunale siano gestiti dalle ACER e che gli stessi non siano concessi agli assegnatari per sempre, ma secondo parametri di uscita legati al reddito dei nucleo familiare. Tutto bene? Certo ma non a Rimini. Infatti, dove l’evasione fiscale è alta, come a Rimini che detiene il triste record regionale, il turn over è veramente basso, a differenza delle altre province. La futura Amministrazione comunale dovrà chiedere alla Regione di modificare la norma affinché un diverso criterio permetta un necessario e significativo turnover anche a Rimini.

Altra proposta. Pochi anni fa, il Ministero della difesa ha messo all’asta decine e decine di alloggi del Villaggio azzurro, in gran parte vuoti per i pensionamenti ed i trasferimenti dei militari della Aereonautica. Nessuno degli alloggi è stato venduto per il prezzo d’asta assurdamente alto in quanto, probabilmente, qualche zelante e prudente funzionario ministeriale si è voluto cautelare dal rischio di essere accusato di danno erariale. Da anni tutto tace…Ebbene, chiediamo al futuro Sindaco Jamil di verificare la possibilità di aprire una trattativa per l’acquisizione degli alloggi perché Rimini ha bisogno di alloggi sociali, ma certamente non vuole altro cemento”.