Indietro
menu
l'appello ai bagnini

"Noi portatori di handicap costretti a guardare il mare da lontano"

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 31 mag 2021 15:44 ~ ultimo agg. 15:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ha 80 anni e da qualche tempo è costretto a spostarsi sulla sedia a rotelle. Luigi Vallorani, ex assessore del Comune di Coriano e dirigente della Confesercenti della provincia di Rimini, solleva un problema che tocca in prima persona non solo lui, ma anche tanti altri disabili che sono nella sua situazione: la difficoltà di raggiungere la battigia (e il mare) in carrozzina. “Noi il mare siamo costretti a guardarlo da lontano – racconta Luigi -, colpa delle passerelle troppo corte, che si fermano troppo indietro rispetto alla riva. Così, se il nostro accompagnatore non è abbastanza forzuto per spingerci sulla sabbia ‘morbida’, l’approdo sulla battigia diventa un miraggio”.

Per Luigi però una soluzione c’è e sarebbe anche facilmente realizzabile oltre che poco costosa: “Basterebbe che i bagnini allungassero le passerelle di qualche metro. Mi sono informato e si tratterebbe di un costo tutto sommato contenuto, sui 300 euro circa. Così facendo offrirebbero un servizio migliore non solo a noi portatori di handicap, ma anche alle mamme che devono spingere per metri le carrozzine dei loro bambini e gli anziani che nelle ore più calde si ritrovano a camminare sulla sabbia bollente”.

Quella di Luigi vuole essere una critica costruttiva – perché, dice, “sono un assiduo e sodisfatto frequentatore delle nostre spiagge” – che riguarda non solo l’arenile di Riccione, che lui frequenta da anni, ma tutto il litorale. “Spero che i bagnini possano raccogliere il mio appello e regalarci, magari già da quest’estate, delle passerelle più lunghe”.

Notizie correlate