Indietro
menu
Riviera "elettrica"

Mobilità elettrica. A Rimini, prima in Regione, gli scooter in sharing

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
ven 21 mag 2021 17:23 ~ ultimo agg. 22 mag 13:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da questa estate, dopo bici e monopattini, Rimini potrà contare anche su una flotta di scooter elettrici per offrire un servizio di mobilità condivisa. Oggi la presentazione ufficiale dei nuovi mezzi con l’obiettivo, ha spiegato l’assessore Corsini, di arrivare ad una Riviera completamente elettrica. A fornire il servizio, attivo fino a novembre e aperto a tutti i maggiorenni patentati, saranno Be Carge, società che già si occupa delle 84 strutture di ricarica per veicoli elettrici in città, e MiMoto che metterà a disposizione 50 motorini completamente elettrici e omologati per due persone.

Il servizio è accessibile a chiunque scarichi l’app MiMoto, disponibile per iOS e Android: dall’interfaccia dell’applicazione si cerca l’eScooter più vicino, lo si prenota e si effettua la corsa ha un costo di 0,35 euro al minuto, di 14,90 euro all’ora o di 59 euro per l’intera giornata.

La nota stampa

Helbiz, società americana leader globale nella micro-mobilità e protagonista di una recente fusione con GreenVision Acquisition Corp. (NASDAQ: GRNV), e dell’acquisizione di MiMoto Smart Mobility S.r.l., leader italiano del mercato dello sharing di motorini, e Be Charge, società del Gruppo Be Power S.p.A. dedicata alla diffusione delle infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica, portano la mobilità elettrica a Rimini attraverso un servizio di scooter sharing a marchio MiMoto by Helbiz e una capillare rete di ricarica.

L’iniziativa si inserisce all’interno di un progetto di ampio respiro che punta a sviluppare e diffondere la mobilità elettrica in Emilia-Romagna, regione nella quale sono già presenti oltre 1.200 mezzi Helbiz a due ruote fra bici e monopattini elettrici. Nello specifico saranno circa 50 mezzi gli scooter 100% elettrici a marchio MiMoto inizialmente a disposizione dei residenti e dei visitatori della località romagnola che potranno spostarsi nel centro della città e su tutto il litorale.

Be Charge può contare su oltre 370 punti di ricarica già attivi in Emilia-Romagna, dei quali 84 punti a Rimini di cui 8 in fase di attivazione.

La città di Rimini si conferma quindi innovatrice e pioniera della mobilità elettrica con gli scooter elettrici di MiMoto e le colonnine di ricarica di Be Charge.

A sottolineare lo spirito tecnologico dell’Emilia-Romagna e della città di Rimini, la cerimonia di lancio di questa iniziativa è stata presieduta dall’Assessore alla Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo, Commercio della Regione Emilia-Romagna, Andrea Corsini, accompagnato dal Sindaco di Rimini, Andrea Gnassi.

Sostenibilità ambientale, sharing economy e smart mobility come chiave per migliorare la qualità della vita delle persone sono i valori condivisi da MiMoto e Be Charge per lo sviluppo di un progetto che ha una missione comune: diventare il punto di riferimento della nuova mobilità. Da qui l’idea di unire gli sforzi insieme alla regione Emilia-Romagna ed alla città di Rimini, realtà che stanno affrontando con spirito di innovazione e attenzione alla comunità sfide di sostenibilità importanti che hanno un impatto globale e che vanno affrontate su ogni realtà territoriale di cui si abbia gestione. A tutto ciò si aggiunge la presenza di turisti nel periodo estivo che rendono Rimini una città unica nel suo genere.

Da un lato, insieme in maniere sinergica, quindi, la sostenibilità, l’innovazione, la qualità e l’efficienza dei mezzi offerti da Helbiz grazie al marchio MiMoto e dell’infrastruttura delle colonnine elettriche di Be Charge, e, dall’altro l’Emilia-Romagna e Rimini che rappresentano la miglior combinazione per sviluppare un vero e proprio ecosistema elettrico che mira a migliorare le abitudini di spostamento dei cittadini.

La partnership con Be Charge consentirà inoltre di promuovere il noleggio dei mezzi con maggiore capillarità su tutto il territorio e di offrire servizi a valore aggiunto. Fra questi anche una modalità Usa lo sharing durante il tempo di ricarica dell’auto che porta il concetto di intermodalità a un livello sempre concreto in termini di efficienza e sostenibilità.

“Rimini è stata tra le prime città in Italia a investire e scommettere con convinzione sulla micromobilità elettrica, diventando oggi un punto di riferimento del Paese per la sperimentazione delle nuove forme di mobilità sostenibile – commenta il sindaco di Rimini Andrea Gnassi – I monopattini in condivisione sono ormai una realtà consolidata, a breve partiremo con la sperimentazione del car sharing elettrico e oggi il lancio dei servizi di Mimoto e Becharge proiettano Rimini tra le realtà turistiche italiane tra le più all’avanguardia, con un’ampia offerta per i cittadini e i visitatori temporanei. Servizi che fanno parte di un percorso che Rimini ha imboccato già da anni e che vede l’ambiente, la riconquista degli spazi urbani e la rigenerazione in chiave green come fattori strategici per lo sviluppo turistico e quindi economico della città. Le città devono uscire dalla pandemia diverse: meno smog e meno auto, più benessere e più spazio. Rimini, grazie al coraggio delle sue scelte, è già su questa direttrice”.

«Il nostro piano di sviluppo – ha commentato Roberto Colicchio, Head of Business Development di Be Charge – è ambizioso: contiamo di installare circa 30.000 punti di ricarica sull’intero territorio nazionale nei prossimi 3-5 anni che erogheranno energia al 100% proveniente da fonti rinnovabili, per un investimento complessivo superiore ai 150 milioni di euro. Siamo già a buon punto con oltre 3.500 punti di ricarica già installati e altrettanti già autorizzati. Il ruolo dei Comuni resta centrale per consentire tale sviluppo perché soltanto con la collaborazione delle amministrazioni territoriali potremo realizzare l’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici necessaria al nostro Paese. Quello della città di Rimini è un esempio virtuoso che ha saputo coinvolgere operatori diversi come Helbiz e Be Charge per soddisfare le esigenze di mobilità della cittadinanza e dei turisti».

“Siamo estremamente orgogliosi di arrivare a Rimini per l’estate 2021 – affermano unitamente i tre founders di MiMoto Alessandro Vincenti, Gianluca Iorio e Vittorio Muratore – Lanciare il nostro servizio assieme a Be Charge in un territorio stupendo come la Romagna, simbolo di italianità nel Mondo è da considerarsi un ottimo risultato soprattutto in un periodo storico come quello che stiamo vivendo a causa dell’emergenza sanitaria. Siamo davvero felici di portare anche qui la nostra filosofia caratterizzata da condivisione e sostenibilità che, in una località marina come Rimini, ha un significato ancora più forte. Oggi il servizio di scooter sharing MiMoto è diventato strategico per gli spostamenti in città, dando un grande contributo al cittadino e all’amministrazione comunale ponendosi come supporto sia al trasporto pubblico, sia a quello privato”.

Il servizio è accessibile a chiunque scarichi l’app MiMoto, disponibile per iOS e Android: dall’interfaccia dell’applicazione si cerca l’eScooter più vicino, lo si prenota e si effettua la corsa a un costo di 0,35 euro al minuto, di 14,90 euro all’ora o di 59 euro per l’intera giornata. Ogni scooter MiMoto è omologato per due passeggeri e ha in dotazione nel bauletto due caschi di misure diverse dotati di profumatori igienizzanti, cuffiette igieniche usa e getta e una schiuma per caschi auto asciugante per la sicurezza degli utenti.

Per effettuare una ricarica alle stazioni di ricarica Be Charge è sufficiente installare e registrarsi sull’App «BeCharge» scaricabile gratuitamente dagli AppStore Google Play e Apple App Store. Attraverso l’App è inoltre possibile visualizzare la mappa di tutte le stazioni di ricarica Be Charge sul territorio, verificare la disponibilità in tempo reale e la tipologia di presa dei vari punti di ricarica, oltre che il prezzo in €/kWh erogato. Il costo della ricarica verrà direttamente addebitato sulla carta di credito associata all’account dell’utente. Se il dispositivo è dotato di navigatore (Google Maps o Mappe di Apple) è inoltre possibile ottenere le istruzioni di guida per raggiungere le singole stazioni di ricarica. Una volta attivata la ricarica è possibile monitorarne l’avanzamento direttamente dall’App. Il call center è sempre disponibile 24/7.

Notizie correlate
di Redazione