Indietro
menu
Estate sicura

La ricetta di Confesercenti: vaccino per addetti turismo e via il coprifuoco

In foto: Pari e Vagnini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 7 mag 2021 12:33 ~ ultimo agg. 14:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Via il coprifuoco e vaccinazione in tempi stretti per tutti i dipendenti e gli addetti del turismo. E’ questa la richiesta di Confesercenti della provincia di Rimini per garantire un’estate sicura per ospiti e operatori del territorio. “La proposta di allungare il coprifuoco alle 23, o anche alle 24, è in ogni caso inaccettabile – osservano il presidente Fabrizio Vagnini e il direttore Mirco Pari. Il coprifuoco è di per sé un elemento incompatibile con le caratteristiche del nostro turismo e della nostra accoglienza, con l’offerta di leisure e intrattenimento che i nostri ospiti sono abituati a trovare nel nostro territorio. Mantenere il coprifuoco significherebbe condannare una stagione estiva che sta dando segnali positivi per richieste di informazioni e interesse per le prenotazioni”.
Il presupposto per l’eliminazione del coprifuoco, secondo Confesercenti è la vaccinazione di tutti gli addetti del settore dell’ospitalità. “Per togliere il coprifuoco – spiegano infatti Vagnini e Pari – dobbiamo garantire che questa è una destinazione sicura. E’ fondamentale che le imprese del turismo, hotel, ristoranti, bagni, possano vaccinare tutti i loro dipendenti e addetti. Perché allora non investire le risorse che la Regione intende destinare alla creazione di hub vaccinali aziendali, nell’ampliamento dell’attività degli hub pubblici già operativi? Si potrebbe prolungare il loro orario anche la mattina presto e la sera, nonché nei festivi. Assicurare la vaccinazione in tempi rapidi degli operatori del turismo sarebbe un messaggio importantissimo per dimostrare quanto Rimini sia pronta ad accogliere in sicurezza i nostri ospiti”.

Notizie correlate