Indietro
menu
Croatti (M5S): lavoriamo a lista

Sadegholvaad (Pd): primarie strumento positivo. Brandi (FdI): candidato entro maggio

In foto: A Fuori dall'Aula si parla di amministrative a Rimini
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 1 apr 2021 11:03 ~ ultimo agg. 16:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Fuori dall’Aula, su Icaro TV, si è fatto il punto sul percorso verso le amministrative a Rimini che si svolgeranno tra il 15 settembre e il 15 ottobre. Sono state proposte le interviste a Jamil Sadegholvaad del Pd che, insieme ad Emma Petitti (che invece ha declinato l’invito), si gioca la candidatura a sindaco per il centrosinistra, al senatore Marco Croatti del M5S e al portavoce provinciale di Fratelli d’Italia Federico Brandi.

Jamil Sadegholvaad (Pd)

Il percorso è avviato, i tempi sono abbastanza stretti e a breve si dovrebbe decidere quale linea intraprendere. Da tempo sto cercando un momento di confronto con il segretario comunale Vanni Lazzari e con Emma Petitti perché credo che sia opportuno sedersi attorno ad un tavolo per seguire un percorso comune e condiviso. Se non dovessero esserci le condizioni, le primarie restano uno strumento assolutamente positivo se vengono vissute in modo corretto e leale.” Per Sadegholvaad, qualora ci siano le primarie, lo svolgimento dovrebbe essere entro i primi di giugno.

Marco Croatti (M5S)

Al momento non c’è chiarezza sulle forze che sosterranno il Pd a Rimini. Siamo ad una fase preliminare. Il M5S aspetterà di capire il percorso del centrosinistra e vedrei bene una figura superpartes che possa mettere tutti allo stesso tavolo e non un’unica leadership che convogli le forze politiche. Noi comunque stiamo continuando a lavorare sui temi, sul nostro programma e sul nostro candidato in una lista che è già molto corposa. Conosciamo bene il territorio.”Con l’amministrazione uscente c’è stata una difficoltà lavorativa in questi anni“.

Federico Brandi (FdI)

Abbiamo deciso, come coalizione, di puntare su un candidato condiviso, credibile, riminese e di stampo civico. Io credo che l’individuazione debba avvenire al massimo entro maggio.” Alla luce di quanti accaduto nella votazione sul Rue in consiglio comunale, dove il capogruppo Renzi ha espresso contrarietà mentre i nuovi ingressi Marcello, Zilli e Spina si sono astenuti, Brandi spiega che la linea era quella del capogruppo e “abbiamo specificato che in futuro la posizione di Fratelli d’Italia dovrà essere unanime e la linea del partito, in questo caso, era quella del capogruppo.” Infine una battuta su Lucio Paesani che, dopo aver partecipato ad alcuni incontri del centrodestra, ha deciso di correre con una propria lista civica come candidato sindaco. “Lucio ha un canale diretto con noi e se vorrà dialogare o rientrare nella coalizione le porte sono aperte. Ma non sarà il candidato sindaco del centrodestra.