Indietro
menu
Videosorveglianza e cybersecurity

Prevenzione della criminalità contro le banche, un Protocollo in Prefettura

In foto: l'incontro in Prefettura
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 13 apr 2021 18:27 ~ ultimo agg. 18:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato sottoscritto in un incontro presieduto dal Prefetto il “Protocollo per la prevenzione della criminalità ai danni delle banche e della clientela” per intensificare l’attività di prevenzione e repressione di specifici fenomeni criminali in danno delle banche e della loro clientela.

Presenti in Prefettura, nel rispetto delle normative anti covid, il Questore, il Comandante Provinciale dei Carabinieri e il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, mentre in collegamento in video conferenza hanno partecipato il Coordinatore di OSSIF, Centro di Ricerca sulla Sicurezza Anticrimine dell’ABI Marco Iaconis e il Coordinatore Regionale dell’Associazione Bancari Italiana Mario Bernardi, Il Prefetto ha evidenziato come il protocollo miri a “cercare di contenere le infiltrazioni nell’economia sana da parte della criminalità” e ha sottolineato l’efficacia della collaborazione con il mondo bancario ai fini dell’adozione di nuovi strumenti di contrasto alla criminalità.

L’ABI ha rimarcato i risultati positivi ottenuti, con il coordinamento della Prefettura, dalle Forze di Polizia, soprattutto nella diminuzione dei furti operati in danno degli ATM.

Il Protocollo prevede, tra l’altro, una particolare attenzione alla cyber security, attraverso un percorso che consente di far fronte a minacce, rischi e scenari aziendali in continua evoluzione, comprese le truffe e i raggiri, con particolare riguardo alle azioni ai danni della popolazione anziana. Il documento sottoscritto prevede, inoltre, l’adozione di un’ampia articolazione di misure di sicurezza il cui censimento permetterà di creare una mappatura unica nazionale dei sistemi di videosorveglianza e delle altre misure di sicurezza presenti nelle agenzie bancarie. La mappatura sarà messa a disposizione delle Forze dell’Ordine.

Il Prefetto ha sottolineato l’importanza che riveste il Protocollo nella prospettiva della sicurezza partecipata, che include Istituzioni e Forze di Polizia e allarga il raggio di azione ad altri importanti attori del territorio come, in questo caso, agli Istituti Bancari.