Indietro
menu
Ritardi incomprensibili

Boss in Riviera. I sindacati: urgente il tavolo della legalità

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 8 apr 2021 16:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il caso emerso nei giorni scorsi di un boss mafioso che tra il 2016 e il 2017 era collaboratore di una impresa edile nel riminese (vedi notizia), Cgil, Cisl e Uil tornano con forza a chiedere alle istituzioni di costituire il Tavolo della Legalità previsto dal patto per il lavoro. “Abbiamo – scrivono le segretarie Isabella Pavolucci, Linda Braschi e Giuseppina Morolli – già chiesto ufficialmente al Presidente della Provincia, in occasione dell’incontro per il Patto provinciale per il lavoro ed il clima del giorno 15 marzo, di attivarsi per il ruolo che gli compete; eventuali ritardi, oltreché incomprensibili, sarebbero deleteri per il territorio che la crisi pandemica e prima ancora quella economica rendono più facilmente permeabile alle infiltrazioni mafiose“.

La nota integrale

Un boss mafioso senza coppola e con un diploma da geometra, capo di un mandamento palermitano, è stato arrestato nei giorni scorsi. Tracce del boss sono state ricostruite anche nel riminese dove tra il 2016 e 2017 è stato collaboratore di un’impresa edile. E’ solo l’ultimo dei casi che ci rappresentano non un territorio a rischio, come qualcuno si illude ancora che sia, ma dove le infiltrazioni della criminalità organizzata hanno già radici evidenti.

Da qui l’urgenza di costituire quel Tavolo della Legalità che viene indicato anche nel Patto per il Lavoro e per il Clima affinché tutte le Province e le Città Metropolitane siano dotate di un luogo partecipativo a contrasto della criminalità organizzata e per la promozione della cultura della legalità. Nello stesso Patto, firmato anche dalle Istituzioni territoriali, la Legalità viene intesa come valore identitario della nostra società e garanzia di qualità sociale ed ambientale nonché precondizione per il raggiungimento degli obiettivi del Patto stesso.

Sebbene non dovrebbe essercene bisogno vogliamo anche citare il Protocollo in materia di Legalità, Appalti e Concessioni firmato da ANCI, UPI dell’Emilia Romagna e CGIL CISL UIL che pone come prioritario per le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali il contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia legale del territorio e la promozione della qualità del lavoro. In cima alle cose da farsi ANCI, UPI e Sindacati pongono la costituzione in tutte le Province e Città Metropolitane dei “Tavoli della Legalità” con l’indicazione di alcune specifiche funzioni.

Abbiamo già chiesto ufficialmente al Presidente della Provincia, in occasione dell’incontro per il Patto provinciale per il lavoro ed il clima del giorno 15 marzo, di attivarsi per il ruolo che gli compete; eventuali ritardi, oltreché incomprensibili, sarebbero deleteri per il territorio che la crisi pandemica e prima ancora quella economica rendono più facilmente permeabile alle infiltrazioni mafiose.

Isabella Pavolucci CGIL Rimini, Linda Braschi CISL Romagna,  Giuseppina Morolli UIL Rimini

Notizie correlate
In vista di un tavolo per ripresa

Il prefetto Camporota in visita alla Focchi

di Redazione   
Meteo Rimini
booked.net