Indietro
menu
Sigismondo d'Oro nel 2018

Si è spento Elio Tosi, l'imprenditore del mito Embassy

In foto: Elio Tosi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
gio 11 feb 2021 12:44 ~ ultimo agg. 12 feb 10:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è spento Elio Tosi, lo storico imprenditore dell‘Embassy. Aveva 91 anni, alcuni giorni fa era stato colto da un malore dal quale non si è purtroppo più ripreso. Nel 2018 era stato premiato con il Sigismondo d’oro.

L’intervista a Elio tosi:

Le motivazioni:

Nato nel 1930, dopo essersi fatto le ossa come barman e cameriere al Dancing Savioli, approda nel 1955 all’Embassy, il locale di Marina Centro tra i più celebri in Italia, con il ruolo di responsabile del bar, ristorante e concerti all’aperto. Dal 1964 al 1968 è al Paradiso, la nuova discoteca di Covignano che anche grazie a Tosi diventa un mito nazionale e internazionale. Nel 1968 torna all’Embassy, trasformando l’American bar con tavola calda in indimenticabile ristorante e luogo meta per 40 anni di riminesi, turisti, cantanti, attori, artisti. Accolti sempre da Tosi con impeccabile eleganza, affabilità, gentilezza, sapienza. Se il musicista riminese Carlo Alberto Rossi ha contribuito a ‘mettere in smoking la musica italiana’, Elio Tosi con il suo stile ineguagliabile ha senz’altro contribuito a mettere in smoking l’accoglienza riminese, di cui è perfetto testimonial. Tra mille aneddoti e altrettante invenzioni nell’ambito della cucina e di tutto ciò che è attenzione verso l’ospite, a Tosi, alla moglie Rita e al loro staff dell’Embassy si deve ‘l’invenzione’ della piadina sottile, detta poi ‘riminese’.

Il ricordo del sindaco di Rimini Andrea Gnassi:

“Confesso di avere provato un doloroso smarrimento alla notizia della scomparsa di Elio Tosi. Difficile trovare le parole per ricordare un amico (da bambino mio padre mi portava a volte al suo ristorante), un galantuomo, il protagonista di una Storia lunga quasi un secolo in cui la leggenda di Rimini si è intrecciata a milioni di storie individuali, nessuna uguale all’altra.

I ricordi si affastellano ed è difficile dargli forma razionale. Parto dal più istituzionale, cioè la cerimonia di consegna del Sigismondo d’Oro 2018. Non ci credeva, Elio. Si schermiva. ‘Perché io?’. Poi partiva con il racconto della sua vita, l’epopea di una città letteralmente sbriciolata dalle bombe e poi risorta come l’araba fenice. Non per grazia ricevuta, ma grazie al lavoro di persone perbene come Tosi. Gli straordinari aneddoti legati al mito dell’Embassy e delle celebrità che lo frequentavano sotto l’occhio discreto e competente di Elio e le ‘carezze’ culinarie della moglie Rita (il tavolo per Fred Buscaglione, i tagliolini allo scoglio per Mina, le canocchie a Gianni Morandi, i maccheroncini ‘dell’Embassy’ per Mike Bongiorno) venivano porti con quella sobrietà che è tratto tipico dell’eleganza naturale e di una umanità profonda, figlie di fatica senza mai un lamento. “La mia è stata una vita di sacrifici– aveva detto in una intervista-. Si sfacchinava, io e mia moglie, tutto il giorno. Mai una pausa. Anche quando andavo a fare la spesa non mi rilassavo: cercavo le cose migliori e non era facile trovarle. Ma se tornassi indietro rifarei tutto quello che ho fatto”. Magari oggi molti si chiederebbero il perché di questa passione. Lo spiegava Elio con parole semplici: ‘Facevamo a gara tra noi a chi faceva star meglio l’ospite. Se stan bene loro, stiam bene anche noi’. E al di là di tutto, delle sovrastrutture, delle analisi, dei modelli, se si dovesse indicare in una sola cosa il segreto della fortuna di Rimini, forse starebbe proprio in quella frase. E in una stretta di mano: la sua, forte come il bene che aveva per la sua famiglia e per la sua città.

Insieme agli amici di una vita- Aureliano, Nadi Fiori, Giulio- una volta all’anno, si abbandonava a una ‘zingarata’ in città a bordo di una sfavillante limousine bianca, come se fossimo a Beverly Hills e non a Covignano (che poi è uguale). A tavola aneddoti da riempire un’enciclopedia. A uno di quei pranzi, Elio mi raccontò di Fellini, di quando portava ‘due passatelli in brodo’ all’amico Federico sul letto d’ospedale a pochi mesi dalla morte. Un gesto d’affetto per l’amico, porto con la stessa cura e uguale stile verso gli ospiti del suo ristorante, quella cifra personale che nel tempo è diventata l’anima di Rimini, del suo essere ‘isola bella’ per uno, due, tre mesi all’anno di una Nazione alle prese con infiniti tormenti.

Elio Tosi è stato prima di tutto un uomo e una grande persona. E questo potrebbe riempire non una, ma almeno tre vite. Ma poi ha saputo fare di più e di meglio per sé e per la propria città: ha dato l’esempio. L’esempio che sono le nostre azioni, i nostri pensieri, le nostre mani a modellare il presente e il futuro, e non per forza viceversa. È sempre stato pioniere presente a se stesso, termine che non per forza è sovrapponibile alla sola gioventù ma è uno stato permanente dell’anima. Darti una pacca sulle spalle, accompagnata dal consiglio ‘B-sogna andè aventi!’ era un moto istintivo e semplice per invitare a non guardarsi indietro, a credere nel cambiamento come progresso, l’invito a essere generosi in un mondo che troppo spesso vede i padri mangiarsi per egoismo il futuro dei figli. Se Rimini oggi è forte e punto di riferimento internazionale in molti aspetti non solo economici, lo si deve anche a uomini come Elio Tosi. Ringraziarlo e ringraziare le persone come lui non è mai abbastanza.

Durante la cerimonia di consegna del ‘Sigismondo d’Oro’ leggemmo queste motivazioni:

  • Per avere ‘vestito’ di stile, discrezione, cura nei dettagli, creatività, la cultura di accoglienza all’ospite, contribuendo al successo e alla fortuna di un modello di accoglienza turistica che ha garantito benessere e lavoro per la comunità riminese 
  • Per avere saputo, con la sua famiglia e con i suoi collaboratori, esaltare la tradizione e i saperi delle passate generazioni nell’arte della cucina, tramandandone la ricchezza e l’attualità grazie a un lavoro che ha miscelato artigianalità e ricerca, per promuovere le eccellenze del territorio 
  • Per essere stato pioniere di un nuovo modo di esaltare Rimini e la sua dimensione internazionale, grazie ai sacrifici, alla gavetta, a un lavoro infaticabile che ha consentito alla nostra città di rinascere dopo la distruzione della Seconda guerra mondiale 

Bello, ma adesso mi rendo conto che le parole più alte e toccanti non possono circoscrivere la ricchezza di vite come questa, eredità che con discrezione e eleganza lascia a disposizione di tutti o almeno di chi vorrà coglierla.  ‘Siamo fatti della nostra piccola città, dei suoi muri, delle storie che sappiamo di lei e di altri come noi. Siamo fatti di quell’aria lì’. Qui a Rimini, Emilia Romagna, Italia, mondo. Ciao Elio, ci mancherai, mi mancherà la tua stretta di mano, forte e solcata dai segni della fatica e del lavoro. La mano generosa dei nostri genitori, dei nostri nonni. Noi, a Rimini, siamo fatti di queste cose qui”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi