Indietro
menu
L'annuncio

Elezioni. Sadegholvaad (Pd): ecco la mia disponibilità, ascolto e confronto

In foto: Jamil Sadegholvaad
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 28 gen 2021 12:14 ~ ultimo agg. 29 gen 10:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La notizia era ormai annunciata, ma oggi è arrivata l’ufficialità. Jamil Sadegholvaad, attuale assessore alle attività economiche e alla sicurezza, si candidata a diventare il successore di Andrea Gnassi. Un posto per il quale ha già da tempo dato la sua disponibilità anche Emma Petitti.

L’annuncio arriva con una diretta facebook davanti al cantiere della scuola Ferrari, dove ha iniziato il suo percorso di studi, spiega.  “Sono l’assessore con il nome strano” esordisce nel video in cui ripercorre quanto fatto finora dall’amministrazione uscente e le sfide legate alla pandemia. “Mai come oggi è necessario un lavoro di comunità” prosegue, rivendicando la propensione all’ascolto mostrata in questi anni: “ascolto e confronto” dice. “Nessuno escluso non è uno slogan ma sarà la priorità per chi gestirà questa comunità nei prossimi anni” – spiega parlando di un patto di giustizia sociale che si preoccupi delle famiglie in difficoltà ma anche delle imprese sane. “Sanità, lavoro, ambiente, istruzione e sociale” saranno i temi principali da affrontare nei prossimi anni – dice Sadegholvaad – aggiungendo che ci saranno anche da completare i progetti attualmente in corso. Cita poi il Green New Deal europeo ma anche l’enciclica Laudato si.

E infine offre la sua disponibilità. “Sono stato più volte nominato in questi mesi per una candidatura – spiega – ma la priorità era uscire dalla pandemia. Ora non ne siamo ancora usciti ma c’è più fiducia sul futuro grazie ai vaccini. E allora oggi dico “non mi tiro indietro”, il mio cuore è Rimini e quindi ci sono e ci sarò.” L’assessore indica la strada maestra verso il voto come quella tracciata da Gnassi nel 2016 e da Bonaccini un anno fa, vale a dire aggregare forze civiche. “La città va ascoltata” dice, spiegando di avere informato delle sue intenzioni il sindaco, il presidente della Regione, il Pd e le forze civiche. “Nei prossimi giorni darò conto pubblicamente del confronto e delle idee che matureranno. Serve un passo avanti per Rimini.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione