Indietro
menu
Caos nel centrosinistra

Verso il voto. Da Brasini alla Frisoni: la giunta si "schiera" per Sadegolvaad

In foto: la foto di ferragosot 2019
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 31 gen 2021 11:37 ~ ultimo agg. 22:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Resta piuttosto teso il clima sia all’interno del Partito Democratico sia con la coalizione di centrosinistra. In vista delle prossime amministrative, l’attuale compagine di governo si trova a dover gestire una situazione complicata con due candidati forti che hanno dato la loro disponibilità: da una parte Emma Petitti e dall’altra Jamil Sadegholvaad. I due sono espressione di due anime molto diverse del partito e la soluzione “da statuto” sarebbe quindi quella di lasciare alle primarie la scelta del candidato. Dal segretario provinciale Sacchetti fino alle liste civiche (e non solo) continua però ad arrivare il forte appello a sedersi intorno ad un tavolo e trovare un accordo per un candidato unitario. Un tavolo, ha fatto notare però il segretario comunale Vanni Lazzari, che andrebbe allargato anche ad altre forze come M5S, Leu e Coraggiosa. Senza contare che il Pd al tavolo vorrebbe arrivare già con un programma da sottoporre agli alleati che invece chiedono scelte condivise e pari dignità. Le discussioni insomma non mancano e si consumano non più in privato ma addirittura sui social, con scambi molto accesi (vedi notizia) che lasciano intendere la grande tensione del momento. Un “lavare i panni sporchi in piazza” anche tra esponenti della stessa maggioranza (che presumibilmente avrebbero altri canali di confronto “in presenza”) che potrebbe complicare ancora di più la ricerca di una sintesi. Salvo, ovviamente, passi indietro da parte di qualcuno che non sembrano però all’orizzonte. Intanto la Giunta riminese ha preso una posizione netta a favore del collega Sadegholvaad. Dal giorno dell’annuncio, si sono succeduti i post dei chi con lui ha amministrato Rimini in questi anni: i primi sono stati l’assessore Mattia Morolli e il vicesindaco Gloria Lisi ma sono arrivate poi anche le parole di affetto e stima da parte di Gianluca Brasini, Roberta Frisoni e Anna Montini.

I post della Giunta

Gianluca Brasini: Siamo stati per dieci anni compagni di squadra. Un gruppo di uomini e donne che ha condiviso tanto, gioie e dolori tipici di una sfida così lunga e intensa, ma sempre con l’obiettivo di fare il bene della nostra Città.
Adesso tocca a te amico e collega di tante battaglie.
Abbiamo solo qualche capello bianco in più ma la stessa voglia di prima!
Un grande in bocca al lupo a Jamil Sadegholvaad candidato sindaco di Rimini.

Roberta Frisoni: Forse saremo poco convenzionali, ma in fondo forse noi riminesi siamo anche così…
Ho condiviso con Jamil e con i miei colleghi di giunta tante scelte, alcune difficili, in questi anni. Siamo veramente una bella squadra, compatta e unita. Io e Jamil abbiamo fatto incontri ovunque nella città, accompagnando i cantieri che stanno rigenerando la nostra meravigliosa Rimini, affrontando problemi e situazioni di ogni tipo.
Forse è scontato dirlo, o forse non lo è. Forza Jamil sono con te!

Mattia Morolli: Un passo in avanti per Rimini
Sono molto contento per la disponibilità del collega Jamil Sadegholvaad a candidarsi primo cittadino di questa città.
Una persona seria, disponibile, conosce ogni pezzo di città e ha saputo operare attivamente per il cambiamento che Rimini ha svolto in questi anni con la guida di Andrea Gnassi
Vai Jamil !

Gloria Lisi: Prima di tutto è un caro amico, uno di quelli, in realtà pochi, di cui ti fidi e questo per me è un punto di parte imprescindibile. In fondo lo conosco da prima dell’esperienza in Giunta, avevo avuto modo di coinvolgerlo in una cena di beneficenza dove ho potuto apprezzare la sua disponibilità, generosità ed umiltà. Queste tre caratteristiche per me sono fondamentali nel ruolo di Sindaco ed è tutto più facile quando un candidato le possiede come doti personali. Non posso non soffermarmi sulle sue capacità professionali, molte le ha migliorate in questi anni. Ho visto crescere in lui competenze, professionalità ed abilità, abbiamo condiviso momenti di una durezza che in pochi possono immaginare, abbiamo superato difficoltà impensabili, da ultima, una pandemia da affrontare in quest’ultimo anno di mandato. Ieri ho ascoltato le sue parole nella diretta fb e lo ringrazio per aver nominato tante volte il sociale ed aver sottolineato la parole ‘Insieme ‘ e ‘Nessuno escluso ‘, due presupposti che mi rendono ancora una volta orgogliosa di aver lavorato con lui in questi 10 anni. Grazie per la tua disponibilità ed il tuo coraggio, forza Jamil!!!!!!