Indietro
menu
Le nuove misure

Si delinea il nuovo Dpcm. Speranza: stop asporto nei bar dopo le 18

In foto: Roberto Speranza
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 13 gen 2021 11:18 ~ ultimo agg. 14 gen 07:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il ministro per la salute Roberto Speranza ha aggiornato in mattinata la Camera (e nel pomeriggio toccherà al Senato) sulle nuove misure che saranno inserite nel Dpcm in vigore dal 16 gennaio. Confermate le anticipazioni della vigilia. Il Governo è intenzionato a confermare il divieto di spostamento anche tra Regioni in zona gialla e a vietare l’asporto dopo le 18 dai bar. Un aspetto quest’ultimo che andrà poi ulteriormente chiarito con i relativi codici Ateco visto che in alcuni casi quelli di bar e, ad esempio, pizzerie da asporto coincidono.

Il ministro ha poi confermato i 21 parametri utilizzati dalla cabina di regia per monitorare la situazione delle Regioni e ha spiegato che scatterà l’ingresso in area arancione di tutte le regioni a rischio alto. L’esecutivo inserirà nel nuovo Dpcm anche l’indicazione di poter ricevere a casa massimo due persone non conviventi come già avvenuto durante le vacanze di Natale.

Nelle regioni gialle potranno poi riaprire i musei e sarà aggiunta alle attuali colorazioni anche una zona bianca con incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti e Rt al di sotto dell’1, dove potranno ripartire tutte le attività, compresa la scuola. “Ma – ha detto Speranza – è difficile pensare che questa area possa partire a breve“. Il ministro ha comunicato anche il prolungamento dello stato di emergenza fino al 30 aprile. Il Cts aveva chiesto la proroga fino al 31 luglio.