Indietro
menu
tante incertezze sul futuro

Marinai di Salvataggio: noi esclusi dai bonus del Governo

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 31 dic 2020 09:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I Marinai di Salvataggio della provincia di Rimini, in una nota di fine anno, puntano i riflettori sulla propria situazione e sull’assenza di aiuti da parte del Governo in questo 2020 drammatico. “Essendo la nostra categoria – scrivono – composta da soccorritori professionisti inquadrati però come “lavoratori stagionali del turismo”, suona ancor più beffardo dover constatare come la Categoria sia rimasta ingiustamente ed inspiegabilmente esclusa dall’accesso ai bonus previsti dagli ultimi decreti governativi, aggiungendo così, all’incertezza per il nostro lavoro, anche l’incognita economica“.

La nota dei Marinai di Salvataggio

I marinai di salvataggio della provincia di Rimini
vogliono augurare ai cittadini, turisti e operatori del settore
Buone Feste e un 2021 nel segno della rinascita sociale e della ritrovata sicurezza personale.

Chi si occupa di sicurezza cerca di ridurre le variabili fortuite;
la nostra esperienza e professionalità suggeriscono come occorra programmare una risposta efficace in termini di sicurezza con addetti al salvamento esperti ed una organizzazione del Servizio
adeguata.

La professione del Salvataggio, presidio essenziale della sicurezza in spiaggia, implica responsabilità, disciplina, preparazione
nonché costante aggiornamento delle tecniche di intervento, recupero e rianimazione.

Questo fondamentale incarico viene svolto con indomita passione da Noi professionisti, chiamati ad intervenire in situazioni di tangibile pericolo, spesso in condizioni di mare mosso e forte vento
e, dalla scorsa stagione, affrontando quotidianamente il rischio concreto di contrarre il CoVid-19.

Proprio in ragione di ciò, essendo la nostra Categoria composta da soccorritori professionisti inquadrati però come “lavoratori stagionali del turismo”, suona ancor più beffardo dover constatare come la Categoria sia rimasta ingiustamente ed inspiegabilmente esclusa dall’accesso ai bonus previsti dagli ultimi decreti governativi,
aggiungendo così, all’incertezza per il nostro lavoro, anche l’incognita economica.

Ci auguriamo che gli ultimi incontri, avvenuti nelle sedi istituzionali, siano d’aiuto per un futuro meno incerto e più sereno.

Notizie correlate